in

così si può accelerare- Corriere.it

cosi si puo accelerare Corriereit


C’ una strada nuova per accelerare sulla fornitura dei vaccini anti-Covid. Una strada che passa per la produzione diretta in Italia di quelli Pfizer e Moderna, gi autorizzati e con un buon livello di efficacia. I contatti vanno avanti da qualche settimana. E sono stati individuati i due stabilimenti che potrebbero essere utilizzati, in accordo con le aziende. Uno nel Lazio, l’altro nel Veneto. Tutte e due si aggiungerebbero, come produzione nazionale, a quella di Anagni, sempre nel Lazio, da dove arriva in parte il terzo antidoto autorizzato, AstraZeneca, e quello di Johnson&Johnson, ancora in attesa del via libera.

Le competenze italiane

L’operazione non immediata. C’ un problema di adattamento dei bioreattori, i macchinari che fabbricano il vaccino, un prodotto biologico e quindi complesso. Un settore nel quale, tra l’altro, l’Italia all’avanguardia dal punto di vista industriale e dell’export. Ma anche un problema di autorizzazioni, perch gli impianti dovrebbero essere temporaneamente prestati a Pfizer e Moderna. Il traguardo, per, sembra vicino. Anche perch, su richiesta dell’Italia, il tema arrivato sul tavolo della Commissione europea, decisa a potenziare e spalmare tra i Paesi la produzione. la dimostrazione — dice il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa (Pd) — che nonostante i tagli scellerati che ci sono stati in passato nel settore della ricerca, l’Italia ha ancora una struttura produttiva di primissimo livello.


L’attesa dell’ok Ue al vaccino russo

La strada della produzione sul territorio nazionale figlia non solo dei timori su una possibile ridotta adesione per AstraZeneca — in arrivo da luned e riservato a insegnanti, militari e poliziotti — e con una efficacia pi bassa rispetto a Pfizer e Moderna. Ma soprattutto dei tempi lunghi per il via libera ad altri vaccini ancora. Per il russo Sputnik, che dopo lo scetticismo iniziale sembra molto efficace, servono almeno due mesi prima del via libera nell’Unione Europea, come dice Massimo Magrini, direttore dell’Agenzia del farmaco italiano. Mentre per Reithera, prodotto alle porte di Roma in collaborazione con lo Spallanzani, l’attesa sar ancora pi lunga: almeno 4/6 mesi, sempre secondo Magrini.

Il nodo delle fiale in pi ricavabili dalle forniture

Lo stesso direttore dell’Aifa ha detto anche che da una fiala del vaccino Moderna, con dieci dosi certificate, possibile ricavare l’undicesima, ma si tratta di una quantit di sicurezza. A prima vista sembra una buona notizia, perch significherebbe avere il 10% di dosi in pi in automatico. Attenzione, per, perch c’ il precedente Pfizer. Anche per questo vaccino le 5 dosi certificate all’inizio per ogni fiala sono diventate in corsa sei. Creando poi un appiglio per quel taglio delle forniture, in realt pi robusto, che ha portato l’Italia a un passo dalla guerra legale con Pfizer.

Le segnalazioni sulle reazioni avverse

Aifa ha pubblicato il primo rapporto sulla sicurezza dei vaccini, essenzialmente sulla prima dose di Pfizer e in minima parte su Moderna. Sono arrivate 7.337 segnalazioni su 1.564.090 dosi somministrate, 469 ogni 100 mila. Il 92,4% delle segnalazioni era riferito a eventi non gravi, come dolore dopo l’iniezione, febbre, stanchezza, dolori muscolari. Con Pfizer sono state rilevate anche cefalea, formicolii, vertigini, sonnolenza e disturbi del gusto. Mentre con Moderna, nausea e dolori addominali. Nel periodo che va dal 27 dicembre al 26 gennaio sono stati registrati anche 13 decessi avvenuti nelle ore successive alla vaccinazione che, nelle segnalazioni pi dettagliate e complete, non risultano correlati alla vaccinazione e sono in larga parte attribuibili alle condizioni della persona vaccinata.

Il ruolo di Poste Italiane

Poste italiane, dice il condirettore generale Giuseppe Lasco, pronta a consegnare i vaccini in ogni angolo d’Italia, utilizzando la flotta aerea e la rete fatta di 12.800 uffici e 27 mila portalettere. La sua piattaforma per le prenotazioni potrebbe essere adottata anche da altre due Regioni, arrivando cos a sei. Per le vaccinazioni la Difesa mette a disposizione 152 drive through mentre ieri si chiuso il bando per le primule, i padiglioni disegnati da Stefano Boeri.

5 febbraio 2021 (modifica il 5 febbraio 2021 | 07:48)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

41f6U04I0EL. AC

Cuisinart CHW-12P1 12-Cup Programmable Coffeemaker Plus Hot Water System Coffee Maker, Black/Stainless

Pato la nuova vita dell039ex Milan Clamoroso 039Papero in Iraq039

Pato, la nuova vita dell'ex Milan? Clamoroso: 'Papero in Iraq'