in

due anni fa aveva sbagliato un rigore decisivo in Libertadores- Corriere.it

due anni fa aveva sbagliato un rigore decisivo in Libertadores


Nel 2019 in Copa Libertadores, aveva sbagliato un rigore che avrebbe dato al suo modesto Godoy Cruz Tomba — piccola squadra argentina — il 3-1 contro il Palmeiras, allora capolista del Brasileirao, e la chance di qualificarsi ai quarti. Era poi arrivato il 2-2 e l’eliminazione. Da allora, e non solo per il calcio, Santiago «Morro» Garcia era depresso.

L’attaccante uruguayano, oggi 30enne, era in cura psichiatrica e ai margini della squadra (non si allenava in palestra, secondo il suo presidente non rispettava le diete prescritte e le visite mediche). «Morro» (nasone) è stato trovato morto da un amico che, preoccupato perché non rispondeva alle chiamate, è andato a cercarlo nel suo appartamento trovandolo morto sul letto, con una pistola accanto. Tra i primi club a piangerne la marte, il Nacional de Montevideo che ne vide gli esordi.

Proprio al Nacional era ritenuto un fenomeno destinato a una luminosa carriera, e approdò anche alla nazionale Under 20 con cui andò ai Mondiali di categoria 2009 segnando anche un gol, ma non fu così e non arrivò mai in nazionale maggiore.

6 febbraio 2021 (modifica il 6 febbraio 2021 | 18:27)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Coronavirus Sicilia 836 nuovi casi e 23 morti il bollettino

Coronavirus Sicilia, 836 nuovi casi e 23 morti: il bollettino

Vaccino AstraZeneca l039arrivo delle prime dosi a Pratica di Mare

Vaccino AstraZeneca, l'arrivo delle prime dosi a Pratica di Mare