in

Allarme per 110 migranti in alto mare, 40 sono stati soccorsi da Open Arms- Corriere.it

Allarme per 110 migranti in alto mare 40 sono stati
Spread the love


«Stamane 110 persone in pericolo su un gommone hanno chiamato Alarm Phone. Il meteo sta peggiorando, ci dicono che ci sono onde alte e una tempesta in corso. Le autorità sono informate. Serve soccorso subito! Non lasciateli annegare!». L’allarme è stato lanciato oggi su Twitter da Alarm Phone, la linea telefonica diretta di supporto per persone che attraversano il Mar Mediterraneo creata nel 2014. A tamponare la situazione è intervenuta una nave di Open Arms: una quarantina di migranti, tra i quali una donna e un bimbo di tre mesi e tre minori non accompagnati, che erano a bordo di una imbarcazione alla deriva, sono stati soccorsi.

La tensione con le motovedette libiche

L’imbarcazione della ong spagnola ha intercettato i migranti in acque Sar maltesi: «in zona – afferma – erano presenti molte imbarcazioni, nessuna delle quali è intervenuta. E nonostante fossimo in zona sar maltese siamo stati avvicinati dalla motovedetta libica Fezzan P658 che ci ha intimato di abbandonare quelle che loro consideravano “acque territoriali libiche”.» Dopo alcuni «momenti di tensione», prosegue Open Arms, i libici si sono allontanati e i volontari hanno terminato le operazioni di soccorso. «I 40 naufraghi sono in salvo sul ponte della Open Arms e hanno bisogno di sbarcare in un porto sicuro prima possibile – conclude la ong – anche a causa del deterioramento delle condizioni meteorologiche previsto nelle prossime ore».

Gli sbarchi a Lampedusa

Negli ultimi due giorni vi sono stati altri due sbarchi a Lampedusa: in tutto 99 migranti. Una barca era partita dalla Tunisia con 53 persone a bordo, giunta fino al largo dell’isola e scortata dalla Guardia costiera al molo Favarolo: tra loro, 5 donne e 4 minori. Erano giunti poi altri 46 migranti, partiti sempre dalla Tunisia: nel gruppo 15 donne e 4 minori.

Scafisti forniti di costosi satellitari e mappe nautiche

Sono stati intanto stati rintracciati a Bari i due scafisti dell’imbarcazione, carica di migranti, che il 9 febbraio è approdata sulla costa ionica del basso Salento, a Patù. Si tratta di S. Memmedzade e S. Muradak, entrambi 30enni, sottoposti a fermo e portati nel carcere di Bari. I due sono stati controllati dagli agenti delle volanti mentre si trovavano in zona Carrassi e non hanno potuto mostrare i documenti, dichiarando di essere di nazionalità iraniana e israeliana. Sono stati quindi accompagnati in questura e lì gli agenti hanno notato che, oltre ai propri cellulari, i due stranieri erano in possesso anche di un telefono satellitare di ingente valore. La sala operativa ha allertato immediatamente gli agenti della squadra mobile di Bari, che, avvalendosi dell’ausilio di un interprete, hanno appurato che i due stranieri parlavano e comprendevano la lingua turca e non l’idioma dei Paesi da cui avevano dichiarato di provenire. Gli ulteriori accertamenti sui dispositivi in possesso degli stranieri hanno consentito di estrapolare mappe e rotte nautiche che dalla Grecia conducono alle coste meridionali italiane, nonché immagini e video di viaggi migratori effettuati via mare con una barca a vela. In alcune delle foto, i due erano ritratti con il volto sorridente alla guida dell’imbarcazione. Le informazioni raccolte sono state immediatamente condivise con il personale dell’Agenzia Frontex di Taranto. I poliziotti sono riusciti a dimostrare che la barca a vela ritratta tra le foto estrapolate dai cellulari dei sedicenti migranti, corrispondeva esattamente a quella incagliatasi alcuni giorni addietro sulle coste salentine.

Articolo in corso di aggiornamento

13 febbraio 2021 (modifica il 13 febbraio 2021 | 16:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Roma Verona diretta live Serie A Calcio 31012021

Torino – Genoa: diretta live Serie A Calcio 13/02/2021

Napoli Juve Pirlo Maestro della difesa

Napoli-Juve, Pirlo Maestro della difesa