in

L’addio del grillino de’ sinistra accentuerà l’apertura alle riforme del M5S

Governo Di Battista e i suoi contro Renzi Non voleva
Spread the love


L’addio di Alessandro Di Battista e dei suoi seguaci al M5S “governativo” di Gigino Di Maio e Beppe Grillo non indebolirà, ma rafforzerà, all’interno del nuovo governo Draghi, la posizione di “forza tranquilla” del movimento. Un esecutivo, formato da tecnici di valore, come Colao, Cingolani e Franco, ma al cui interno sarebbe stato più opportuno non confermare, oltre a Gualtieri e Bonafede, i ministri Speranza e Lamorgese e riassegnare le poltrone ai forzisti Brunetta e Carfagna.

Il premier si avvarrà della collaborazione di una forza più di governo che di lotta, che spingerà l’acceleratore su dossier come l’ambientalismo e la riforma della sanità. E, a differenza di Conte, che ha subito l’inesperienza e gli errori (eufemismo) dei grillini, Il nuovo Presidente del Consiglio, migliore del predecessore, imporrà alla coalizione la rotta da seguire e limiterà le sortite e le proposte, che reputerà incaute e dannose, per il Paese, dei rappresentanti M5S.

I lettori meno giovani ricorderanno  che, alla vigilia dell’ingresso, nei primi anni 60, del PSI nella “stanza dei bottoni”, il partito di Pietro Nenni subì la scissione del PSIUP. I “carristi”-come vennero definiti i seguaci di Dario Valori, per l’ok all’invasione sovietica di Budapest-tolsero pochi voti ai socialisti. Ma accreditarono Nenni e i suoi ministri come politici non più massimalisti e parolai, ma riformatori. E, infatti, il primo governo di centrosinistra Moro-Nenni attuò le riforme più importanti del 1900 : dalla legge “167” in urbanistica allo Statuto dei diritti dei lavoratori all’istituzione delle regioni. Il provvedimento più significativo, e contrastato-voluto, in primis, proprio da Riccardo Lombardi-riguardò la nazionalizzazione dell’industria elettrica, che aveva l’obiettivo di ricondurre sotto il controllo statale (venne creato l’Enel) il prezzo dell’energia e smantellare il conservatorismo delle imprese private del settore. 

Altra rilevante legge fu quella, che istituì la scuola media unificata e dispose l’elevamento dell’obbligo scolastico fino ai 14 anni. 

E, per frenare alcuni provvedimenti, ancora più innovatori, si manifestarono trame oscure, come il presunto golpe del generale Giovanni De Lorenzo (1964). Due giornalisti, Eugenio Scalfari e Lino Jannuzzi, de “L’Espresso”, vergarono un’inchiesta, che accentuò la loro notorietà, inducendo il PSI a farli eleggere in Parlamento. De Lorenzo entrò alla Camera come deputato del MSI.

E il PSIUP ? Occupò l’estrema sinistra dell’arco parlamentare, andando a collocarsi, a volte, a sinistra dello stesso PCI. E, dopo un effimero successo nel 1963, 5 anni dopo, non riuscì a far eleggere alcun parlamentare.

Poi, nel luglio del 1972, il Psiup si autosciolse, decidendo la confluenza nel Pci, tranne un’ala, guidata da Vittorio Foa, che costituì il Pdup, Partito Democratico di Unità Proletaria. Tale formazione, a sua volta, si fondò con il gruppo del Manifesto, guidato da Pintor, Rossanda, Magri ed altri esponenti, espulsi dal PCI di Luigi Longo, il successore di Togliatti, alla guida del “partitone rosso”.

Quanto al M5S, non sparirà dal teatrino di Roma. Ma è sicuro che, quando verranno, finalmente, riaperte le gabine  elettorali, non si confermerà il vincitore indiscusso, con il 32% dei voti, come nel 2018…





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Prandelli Contro il Torino e uno scontro salvezza

Prandelli: «Contro il Torino è uno scontro salvezza»

Covid Campania niente feste a Carnevale lordinanza

Covid Campania, niente feste a Carnevale: l’ordinanza