in

Spezia-Milan 2-0: gol di Maggiore e Bastoni, primato rossonero a rischio

Spezia Milan 2 0 gol di Maggiore e Bastoni primato rossonero a
Spread the love


I rossoneri crollano sotto i colpi di Maggiore e Bastoni. E domani l’Inter contro la Lazio ha l’occasione del sorpasso

Come complicarsi la vita prima di una delle settimane più importanti dell’anno. Con Europa League e Inter in arrivo. Il Milan cade 2-0 con lo Spezia nel “derby americano” (i liguri sono passati nelle mani del finanziere Robert Platek in settimana) e lo fa con un tonfo assordante sia per la differenza di punti in classifica (erano 28), sia per le modalità con cui cade. Come con Lilla e Atalanta: non pervenuto. Zero. Una prestazione totalmente oscura senza idee, senza gambe e senza passione. Esattamente l’opposto rispetto ai liguri. Ora il primato non è più in mani rossonere: se l’Inter supererà la Lazio, ci sarà il cambio della guardia in cima alla classifica.

Rebic k.o.

—  

Italiano ha cambiato tre uomini rispetto alla squadra che ha vinto in casa del Sassuolo. In difesa modifica obbligata: fuori l’infortunato Terzi, dentro Ismajli. A centrocampo invece Estevez e non Leo Sena mentre davanti, oltre ad Agudelo e Gyasi, è stata consegnata la prima maglia da titolare in campionato per l’ex Saponara (largo a sinistra), uno che spesso quando vede rossonero aumenta i giri del motore. Pioli pareva finalmente rinfrancato dalla lista degli assenti, che si era assottigliata sensibilmente (fuori soltanto gli infortunati Diaz e Maldini, oltre allo squalificato Calabria), ma all’ultimo momento ha perso per strada Rebic: trauma al tendine rotuleo e arrivederci. C’è stata comunque anche una buona, anzi ottima notizia: in un colpo solo ha ripreso forma la colonna vertebrale formata da Kjaer, Bennacer e Calhanoglu.

Poca energia

—  

Il primo tempo si è concluso con un dato che racconta parecchio: il Milan non è mai riuscito a concludere nello specchio della porta di Provedel (un dato che non cambierà nemmeno al 90’), e anche i tentativi fuori non sono esattamente spaventi per il portiere spezzino. Ben diverso lo stato d’animo di Donnarumma, che intorno al quarto d’ora si oppone al destro violento e ravvicinato di Saponara con un riflesso sovrumano. Una parata da fenomeno. La partita, come si può intuire, la fanno i padroni di casa e questa di per sé non è una primizia: ci sono state altre occasioni in cui il Milan aveva scelto di lasciare la regia agli avversari per colpire poi in contropiede. Solo che stavolta, a differenza delle altre, il Diavolo non ha mai le gambe, l’energia per ripartire. Nessuna sgommata (a parte i consueti tentativi di Hernandez), nessun inserimento, giro palla lento e inconcludente. La sensazione? Chissà che in queste due settimane sgombre da impegni infrasettimanali Pioli non abbia caricato un po’ troppo in allenamento. Una prima frazione con troppi interpreti sotto tono, a partire dagli ispiratori principali: fuori dal gioco Calhanoglu e anche Bennacer, asfissiati dalle marcature e dal dinamismo avversario. Leao e Saelemakers incapaci di saltare l’uomo e il risultato è stato scontato: Ibra molto nervoso, privo di assistenza, anche perché cercato soprattutto con i lanci lunghi, ovvero quella modalità in cui – Atalanta docet – il Milan diventa una squadra molto prevedibile.

Tanti interrogativi

—  

Detto dei rossoneri, occorre sottolineare con l’evidenziatore la prova dei liguri: tenace, tignosa, continua. Come ci si attendeva. Pressing molto alto, raddoppi in marcatura, grande velocità in fascia e rapidità nel ritrovare le posizioni una volta persa palla. Lo Spezia ha accarezzato il gusto del gol altre due volte oltre alla super occasione di Saponara. La prima con una percussione di Agudelo, che ha cincischiato troppo prima di tirare, e poi con Estevez, murato al momento di concludere. Nella ripresa il canovaccio è mutato, ma sbilanciandosi ulteriormente a favore degli uomini di Italiano. Che sono tornati in campo aumentando ancora il pressing. Milan rintanato negli ultimi venti metri e incapace di uscire. Se oltre all’atteggiamento, troppo passivo, aggiungiamo una serie decisamente troppo lunga di errori banali e gratuiti in appoggio, ecco servito il dramma del Picco. Il risultato è cambiato all’11’ grazie a una magnifica azione corale dello Spezia, che ha permesso a Migliore di concludere in rete dopo che la palla era passata dai piedi di Gyasi, Agudelo e Ricci. Reazione rossonera? Zero assoluto, nemmeno dopo il triplice cambio simultaneo (fuori Leao, Bennacer e Kjaer per Mandzukic, Meité e Tomori). E così il raddoppio spezzino è stato praticamente un’ovvietà, una decina di minuti più tardi. Stavolta da palla inattiva: punizione toccata da Estevez per Bastoni e sinistro fantastico in buca. Tutto molto bello, ma il terzino ha avuto il privilegio di calciare in totale solitudine dal limite dell’area. Da lì in poi, è arrivata la conferma che il Milan non sarebbe mai riuscito a rientrare in partita. Spartito immutato: rossoneri schiacciati, reazione inesistente. Lo Spezia festeggia giustamente una piccola grande impresa, il Milan fa rientro a casa con una valanga di domande.



Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Estate 2021 cosi le compagnie aeree puntano quasi tutto sullItalia

Estate 2021, così le compagnie aeree puntano (quasi) tutto sull’Italia- Corriere.it

Agudelo danza Maggiore strepitoso Donnarumma fa quel che puo Corriereit

Agudelo danza, Maggiore strepitoso; Donnarumma fa quel che può- Corriere.it