in

E morto Erriquez, il leader della Bandabardò

Enrico Greppi : E morto Erriquez, il leader della Bandabardò
Spread the love


Enrico Greppi, alias Erriquez, volto e anima di Bandabardò, è morto questa mattina nella sua casa di Fiesole. A confermare la notizia il suo manager Francesco Barbaro, al suo fianco sin dall’inizio.

L’artista stava combattendo da tempo una grave malattia, ma la sua riservatezza ed energia non avevano mai permesso a nulla di risplendere all’esterno. “Il gruppo folk italiano più pazzo, rumoroso e colorato nel mondo degli affari”, si leggeva aprendo il sito ufficiale del gruppo, ed Erriquez rappresentava al meglio quello spirito.

Con Bandabardò aveva da poco festeggiato i 25 anni di carriera con un grande evento al Mandela Forum di Firenze, con tanti amici artisti, e sin dalla sua nascita nel 1993 il gruppo è sempre rimasto fedele a se stesso e ai propri ideali, diventando un riferimento della scena musicale degli anni ’90 e oltre, a tal punto che ancora oggi il coro “Se mi rilasso crollo” continua ad essere cantato da tutte le generazioni. Riservatissimo ma solare, Enrico Greppi si è sempre battuto anche nel sociale abbracciando le cause dei più deboli.

Chi era Erriquez – Enrico Greppi

Erriquez, pseudonimo di Enrico Greppi (Firenze, 1º settembre 1960 – Fiesole, 14 febbraio 2021), è stato un cantante e chitarrista italiano, leader del gruppo folk toscano Bandabardò.

Biografia

L’infanzia in giro per l’Europa e la formazione musicale

Nasce in Toscana, ma ben presto si trasferisce a seguito della famiglia dapprima a Bruxelles dove frequenta la scuola europea ed in seguito in Lussemburgo, nazione multirazziale in cui ha modo, secondo sua stessa ammissione, di assorbire ed integrare varie culture ed imparare più lingue.

Nell’ambiente familiare la tradizione musicale è forte, in particolare dal ramo materno che vanta generazioni di musicisti professionisti, ma anche il padre ed altri parenti si dilettano amatorialmente con diversi strumenti. Lo stesso Erriquez viene avviato fin da giovanissimo allo studio della musica con 4 anni di conservatorio e 6 di violino, strumento per cui si dimostra portato pur sognando ben altri generi musicali. Siamo infatti negli anni settanta, il periodo di maggiore splendore per la musica rock, e tra i gruppi più amati dal giovane Erriquez ci sono Who, Pink Floyd, e Jethro Tull.

Il giovane Erriquez abbandona quindi presto il violino per dedicarsi al basso, e forma il suo primo gruppo con il fratello alla batteria ed il migliore amico alla chitarra, i GGR, un acronimo che indicava le iniziali dei cognomi dei componenti. Il gruppo ha breve vita, ma ottiene l’effetto di persuadere Erriquez ad abbandonare il basso per dedicarsi da autodidatta alla chitarra, strumento che vive anche di vita propria e con cui può emulare non solo i grandi del rock, ma anche gli altrettanto amati cantautori italiani, come Fabrizio De André e Lucio Battisti.

Il ritorno in Italia e il primo successo

A 19 anni, dopo l’esame di maturità, Erriquez decide assieme ad alcuni amici di fare ritorno in Italia, e tenta la carriera universitaria a Firenze, prima in Economia e commercio e poi in Scienze politiche. La sua giornata in questo periodo si divide tra il mestiere di grafico pubblicitario, l’impartire lezioni private di francese, e le prove con un nuovo gruppo musicale, i Vidia per cui ottiene di essere cantante e chitarrista, e di scrivere testi in italiano in un periodo come il 1985 in cui il rock è quasi totalmente in lingua inglese.

I Vidia, sotto la guida di Erriquez, sviluppano pian piano un loro repertorio e vengono notati da Gianni Maroccolo, all’epoca nei Litfiba, che decide di produrli. Il primo disco, a detta dello stesso Erriquez, non è granché ma riesce a vendere 5.000 copie regalando al gruppo la prospettiva di un secondo disco seppure con la sollecitazione, da parte della casa discografica, ad aprirsi ad un genere più commerciale. Sotto questa pressione la band presto si divide con Erriquez, supportato dallo stesso Maroccolo, da un lato, ed il resto della band dall’altro.

Verso la fondazione della Bandabardò

Rimasto solo, Erriquez accetta l’offerta di Maroccolo di partecipare al tour di Andrea Chimenti, fresco di debutto solista e tra i primi esempi italiani di world music. È durante questo tour che conosce Alessandro Finazzo, detto Finaz, chitarrista elettrico dalla tecnica sopraffina di cui nota subito il potenziale pur contestandogli la scelta dell’elettrico che, a suo parere, ne sminuisce le capacità. Una volta finito il tour, Erriquez propone a Finaz una collaborazione a patto che questi si converta all’acustico. Proprio in quel periodo giungono in tour a Firenze i les vrp, un gruppo francese che basa la propria musica sulle ritmiche delle chitarre acustiche. Finaz ne rimane influenzato e di lì a poco suonerà in modo simile per la nascente Bandabardò.

Muore la mattina del 14 febbraio 2021 a 60 anni nella sua abitazione di Fiesole, dopo una lunga lotta contro un male.

Vedi anche : enricogreppimortoerriquezleaderdellabandabardò





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Milan Pioli si consola con Kjaer Ma Calhanoglu e Bennacer

Milan, Pioli si consola con Kjaer. Ma Calhanoglu e Bennacer sono al 50%

Attacco Juve Morata bene in coppa CR7 nelle finali Ma

Attacco Juve: Morata bene in coppa, CR7 nelle ‘finali’. Ma in A?