in

il predestinato e l’interista. Chi sono i giustizieri del Milan- Corriere.it

il predestinato e linterista Chi sono i giustizieri del Milan
Spread the love


Kevin Agudelo, il predestinato, e Giulio Maggiore, l’interista. Sono i due giustizieri del Milan, sconfitto 2-0 dallo Spezia sabato 13 febbraio. Il primo da falso nueve ha tolto ogni tipo di riferimento alla difesa rossonera e ha anche avviato l’azione del primo gol dello Spezia sradicando un pallone dai piedi di Theo Hernandez (non nuovo a questi errori, era capitato anche nel 2-1 rossonero a Bologna il 30 gennaio). Invece, il secondo, cresciuto nelle giovanili del club ligure e con la fascia di capitano sul braccio ha preso sulle spalle la sua squadra e ha segnato proprio ai rossoneri il suo primo gol in A. Cosa che capiter qualche minuto dopo anche a Bastoni, altro prodotto del settore giovanile.

Agudelo, il predestinato

A mandare in tilt le certezze del Milan, distruggendone in uno schiocco di dita l’autostima, ci ha pensato Agudelo, grandissimo protagonista della serata magica di sabato. Il ragazzo dal sorriso contagioso nato in Colombia il 14 novembre 1998. Lanciato in serie A a sorpresa da Thiago Motta, quando uno degli eroi del Triplete interista si seduto sulla panchina del Genoa per nove gare tra l’ottobre e il dicembre 2019. Intuizione felice: Agudelo all’esordio in A contro il Brescia il 26 ottobre 2019 a Marassi segna subito un gol nella vittoria per 3-1. Un predestinato, insomma. Chiamatemi Toto, senza accento sulla o. In Sudamerica mi chiamano tutti cos, le sue parole all’epoca, raggiante per il primo sigillo realizzato. Un soprannome che gli arriva dallo zio Arley, per lui un secondo padre. Un giorno in mezzo alla strada gli grid: Ehi Toto e dal quel momento questo nomignolo gli rimasto cucito addosso.

Calcio di strada

Agudelo nasce a Puerto Caicedo, comune di poco pi di 10 mila abitanti nel dipartimento di Putumayo in Colombia. Il suo calcio si forma in strada gi all’et di cinque anni. l’unico in famiglia (ha tre fratelli e una sorella) con la fissa per il calcio. Cos nel 2017 indossa la maglia del Bogot, squadra della seconda divisione colombiana e prima sua esperienza tra i professionisti. Un solo anno, poi passa subito all’Atletico Huila, segnando il suo primo gol in carriera il 7 aprile 2018. Enrico Preziosi batte la concorrenza del Boca Juniors e lo porta in Italia al Genoa, assieme alla sua fidanzata Isabella (dal primo agosto scorso sua moglie). Nel gennaio 2020 va in prestito alla Fiorentina, ma rimane un po’ ai margini. Rinasce allo Spezia. I suoi idoli? Iniesta e Messi. Ma non solo. Anche il suo connazionale James Rodriguez: ha la sua maglia del Real Madrid, ma Agudelo tifa Barcellona. E per una notte stato l’incubo del Milan.

Maggiore l’interista (con un passato nel Milan)

Il Milan? Nessun rimpianto. Spezia mi ha accolto, la mia citt, ha detto Giulio Maggiore dopo l’impresa di sabato. Nato il 12 marzo 1998, all’et di 9 anni viene infatti notato da uno scout rossonero durante un torneo a Pianazze (Piacenza) e, dopo un provino, firma un precontratto. Rimasto allo Spezia, passa prima al DLF Le Giraffe e poi al Canaletto. Fino a fare il salto al Milan all’et di 14 anni ed essere aggregato nei Giovanissimi Nazionali nel ritiro estivo di Pinzolo, in Trentino Alto-Adige. Nella stessa squadra di Locatelli, con il quale avrebbe fatto coppia in mezzo al campo, e Cutrone. Lui per di fede nerazzurra Sono tifosissimo dell’Inter fin da bambino e, senza pensarci, mi presentai al provino negli spogliatoi con l’accappatoio dei nerazzurri. Mi dissero scherzosamente di evitare. Sabato ha fatto un gran bel favore alla squadra di Antonio Conte, che domenica a San Siro contro la Lazio ha l’occasione del sorpasso, una settimana prima del derby, in programma il 21 febbraio.

La maturit prima della Nazionale

Per Maggiore a Milano, per, l’imprevisto in agguato. Perch si fa male, sente la mancanza di mamma, pap, degli amici e torna in Liguria. Una scelta rischiosa, ma non avventata. Lo Spezia lo riaccoglie a braccia aperte, diventando un punto fermo di Allievi e Primavera. Il debutto in B con Mimmo Di Carlo (20 settembre 2016 a Trapani), la fascia di capitano (per la prima volta contro il Pordenone, il primo febbraio 2020), la promozione in A e l’esordio contro l’Udinese il 30 settembre 2020. Fino al gol al Milan, il primo nella massima serie. Tra una tappa e l’altra della sua carriera, Maggiore prende un’altra scelta difficile. Nel maggio 2017 rinuncia alla partecipazione al Mondiale Under 20, poi concluso dall’Italia al terzo posto, per potersi dedicare all’esame di maturit.

14 febbraio 2021 (modifica il 14 febbraio 2021 | 10:08)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

criticita in Toscana e Campania

criticità in Toscana e Campania

Draghi Pasquino ad AffariIl M5S stia nel governo Al lavoro

Draghi, Pasquino ad Affari:”Il M5S stia nel governo. Al lavoro con i Dem-Leu”