146 migranti in attesa della quarantena. Altri 100 in arrivo- Corriere.it

AGRIGENTO La nave Open Arms, con a bordo i 146 migranti salvati in più interventi, si trova a Porto Empedocle. La città dell’Agrigentino è stata assegnata alla ong quale «porto sicuro». Ma per lo sbarco dalla nave, i migranti dovranno prima attendere che un centinaio di persone che hanno ultimato il periodo di sorveglianza sanitaria anti-Covid scendano dalla nave quarantena «Allegra» per essere trasferiti, via Catania e Milano, in strutture d’accoglienza di Toscana ed Emila Romagna. I migranti salvati dalla Open Arms, ad eccezione dei minorenni, sono destinati ad essere ospitati nella struttura d’accoglienza di Casteltermini (Agrigento). Dalla nave quarantena ieri sono già scese altre 130 persone. In serata con il traghetto di linea, da Lampedusa arriverà a Porto Empedocle un altro centinaio di migranti e anche loro verranno trasferiti sulla Allegra. A garantire la regolarità delle operazioni è la polizia.

La sindaca

«La gestiscono bene — commenta al Corriere la sindaca di Porto Empedocle Ida Carmina —. Ieri mi hanno informato dalla prefettura che avrebbero fatto i controlli a bordo. Certamente c’è una grande preoccupazione. Spero che il governo Draghi metta nell’agenda il rapporto con l’Europa sull’immigrazione e lo faccia a gran voce. Vogliamo essere garantiti come altri cittadini italiani». La prima cittadina del Movimento 5 Stelle si appella al nuovo premier perché non si ripetano le situazioni dell’estate scorsa, con centri di accoglienza allo stremo e fughe. Scenari che la quarantena in nave dovrebbe evitare.

Danni al turismo

Ma non c’è solo questo, ci sono anche i danni al turismo, sottolinea Carmina: «Noi subiamo decisioni del governo e come è giusto che si abbia cura degli immigrati che vanno salvati e accolti è giusto anche prendersi cura delle comunità di questa porta d’Africa, che possa sopravvivere e non muoia di immigrazione. L’ano scorso — ricorda la sindaca della cittadina di Andrea Camilleri — quando sulla Moby Zaza c’erano 28 positivi e la notizia circolò in tutta Europa, per lo sviluppo turistico in questa zona non è stato un buon viatico. Se siamo porto franco per i migranti ci facciano porto franco anche dal punto di vista economico. Invito il nuovo ministro del Turismo a venire qui per parlarne».

16 febbraio 2021 (modifica il 16 febbraio 2021 | 19:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

«Dobbiamo dire la verità anche se è scomoda»- Corriere.it

ROMA Il richiamo di Roberto Speranza al «senso di una sfida collettiva che riguarda ciascuno …

Rispondi