Lukaku, l’Inter sulla spalle. Ora c’è Ibra di nuovo per aprire la fase 2: la fuga nerazzurra- Corriere.it

Compiuta l’operazione sorpasso con il 3-1 alla Lazio, l’Inter entra nella fase due: la missione distacco. A lanciare in orbita il razzo nerazzurro stato Romelu Lukaku e, dopo la doppietta alla Lazio, attende il derby con il Milan contro il quale ha gi segnato quattro reti: una ogni volta che l’ha incrociato. Con i rossoneri ha un conto aperto e pure con Zlatan Ibrahimovic, dopo la lite nei quarti di Coppa Italia del 26 gennaio.

Per chiarire quello scontro, il centravanti belga stato sentito dagli ispettori della Procura Figc: Ricciardi, Scarpa ed Esposito, con quest’ultimo salito ad Appiano Gentile. Al fianco di Lukaku, lo storico avvocato dell’Inter, Angelo Capellini. Mezz’ora di colloquio per capire i motivi che hanno spinto il belga a reagire in modo cos vistoso alla provocazione di Ibra. Torna a fare le tue str… vud, piccolo asino. Vai dalla mamma, l’insulto tutto in inglese dello svedese. Letteralmente: Go to your voodoo shit, you little donkey. A Lukaku stato chiesto se la parola sentita era davvero asino (donkey) oppure scimmia (monkey) . Era donkey. Resta una brutta pagina, Lukaku replic offendendo Ibra: Parli di mia madre? Vaff… a te e tua moglie e altri epiteti. Comportamenti censurabili. Lukaku se l’ presa in modo particolare perch molto legato alla mamma Adolphine. Ibra era gi stato ascoltato e a questo punto, se l’accusa di razzismo cade, resta ben poco all’inchiesta. La Procura Federale ha tre strade: archiviare, deferire, patteggiare. L’Inter per Lukaku non si aspetta nessuna punizione, al massimo una lieve multa. Pure Ibra non dovrebbe rischiare un granch.

I due si ritroveranno in campo domenica 21 febbraio e Lukaku ci arriva dall’alto del primo posto in serie A e nella classifica dei bomber, a quota 16 reti come Ronaldo, dopo aver segnato una doppietta alla Lazio e aver realizzato il 300 gol in carriera. Lukaku ha dato una grande risposta. Veniva da qualche prova opaca, ma il ragazzo a posto. Ci sta di attraversare un momento di forma pi basso. tornato in maniera prepotente e noi abbiamo bisogno di questo Romelu, ha sottolineato Conte.

Il centravanti belga il faro dell’Inter, lo dimostrano i gol: 56 reti in 42 gare giocate in nerazzurro, una media di oltre una a partita. L’Inter tornata in testa da sola, nel girone di ritorno, dopo pi di dieci anni (16 maggio 2010, l’ultima volta), adesso ha la chance per staccare tutti, trascinata dal gigante Big Rom. Buono s, ma non toccategli mamma.

16 febbraio 2021 (modifica il 16 febbraio 2021 | 07:19)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Inter, Ferri: “Skriniar, De Vrij e Bastoni valgono le migliori difese”

Il centrale dello scudetto dei record: “Che crescita Skriniar, De Vrij e Bastoni. Ora valgono …

Rispondi