Coppa America, quando riprendono le regate? Per ora si litiga, le ipotesi- Corriere.it

Muro contro muro, in perfetta tradizione Coppa America. Era una regata, rischia di diventare una questione di carte tra avvocati (peraltro Luna Rossa challenger of records ne ha uno ottimo: Alessandra Pandarese, la donna che risolse a favore del Moro di Venezia la bega con i neozelandesi sul bompresso a San Diego nel ‘92).
Auckland alle prese con una manciata di casi Covid abbassa la soglia di allarme — da livello 3 a livello 2 — ma mantiene il lockdown, che in questa fase prevede il divieto di larghi assembramenti.

Luna Rossa, in vantaggio 4-0 con Ineos nella serie di regate della finale di Prada Cup, la selezione degli sfidanti alla Coppa America (dal 6 marzo contro i detentori di Team New Zealand), vorrebbe riprendere a regatare immediatamente: in programma venerd pomeriggio (le 4 di mattina in Italia) le prove 5 e 6 con cui l’Ac75 italiano sogna di blindare la vittoria (vince chi fa per primo 7 punti) contro un avversario psicologicamente prostrato e oggettivamente inferiore agli azzurri, fin qui, in ogni condizione di vento.

Coppa America, Luna Rossa in Prada Cup: le 7 armi per battere Ineos in finale


Una finale apertissima



Gli organizzatori dell’evento, invece, non si accontenterebbero delle regate a porte chiuse: preferirebbero preservare il business, i tifosi, il turismo neozelandese, gli sponsor e i partner commerciali garantendo loro regate aperte al pubblico, la solita flotta di barche in mare assiepate ai confini del campo, il Villaggio dell’America’s Cup pieno di gente anzich obbligatoriamente chiuso. La proposta di Tina Symmans, a capo dell’America’s Cup Event (Ace), in questa fase di livello 2 dell’allarme, rimandare la finale della Prada Cup a tempi migliori. Quando? Venerd 26 febbraio, sperabilmente a porte aperte. E la Coppa America? Slitterebbe anch’essa di una settimana: via sabato 13 marzo e conclusione entro il 21 marzo, come da programma. Gli inglesi di Ineos, che avrebbero pi tempo per rimettere insieme le idee e cercare di tornare in acqua competitivi, naturalmente sono d’accordo. Ma Luna Rossa, che dal lockdown si gi vista spezzare l’inerzia positiva di una finale fin qui dominata, non ci sta.

Coppa America, da Conner a Coutts i 5 skipper che hanno cambiato la storia della vela (c’è anche un italiano, De Angelis)


Dennis Conner


Non si vedono ragioni per cui i team siano autorizzati ad allenarsi durante questo livello di allerta ma le regate non potrebbero aver luogo, seppur a porte chiuse secondo lo stesso protocollo — si legge in un furibondo comunicato del challenger of records italiano —. Luna Rossa Prada Pirelli pronta a regatare contro Ineos Uk venerd 19 febbraio, conformemente al programma della Finale della Prada Cup che dovr concludersi entro e non oltre il 24 febbraio. A maggior ragione ora che il governo ha preso la decisione di abbassare il livello di allerta Covid da 3 a 2, consentendo lo svolgimento delle regate nel rispetto della sicurezza di tutti.
Se le regate a porte chiuse non verranno autorizzate (il governo sembra pi interessato alla lotta contro il Covid che alle liti di cortile tra velisti), pronta l’extrema ratio, come da protocollo. Va ricordato che altrimenti si applicherebbe la Regola A2.3 (b) dell’Appendice A delle World Sailing Racing Rules of Sailing America’s Cup edition Version 3.03 for the 36th America’s Cup che prevede che il vincitore la squadra con il punteggio pi alto alla data della data finale programmata. Vittoria per 4-0, cio: Luna Rossa regina della selezione dei challenger come nel 2000 e promossa in Coppa America contro i kiwi.
Ma non concludere la finale sull’acqua sarebbe una sconfitta per tutti.

17 febbraio 2021 (modifica il 17 febbraio 2021 | 18:11)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Osimhen si riprende il Napoli: Gattuso si affida a lui per lo sprint finale

L’ex centravanti del Lilla ci ha messo solo 13’ per ritrovare la rete dopo un …

Rispondi