“Draghi come Monti, mobilitazione generale contro il governo”

MARCO RIZZO CONTRO DRAGHI, PER DAVVERO.

“Siamo contro il Governo Draghi senza se e senza ma”, afferma Affaritaliani.it Marco Rizzo, segretario generale del Partito Comunista. “La sua ‘competenza’ si è esplicitata solo tra banche pubbliche e private, tra incarichi internazionali e onoreficenze ad personam, e ne denota il protagonismo negativo. Draghi è stato tra quelli che hanno imposto le privatizzazioni e la perdita dei diritti sociali nel nostro Paese, che -anche grazie al mutamento dei rapporti di forza dovuto a queste politiche- è stato ormai privato di ogni sovranità popolare. Tanto più grande è la ‘grancassa’ mediatica a favore di questo esecutivo e tanto più grandi i pericoli per il popolo e le classi lavoratrici”.

“Proprio perché amiamo l’Italia, il nostro popolo e i lavoratori tutti, riteniamo necessario organizzare subito una seria opposizione alle future politiche di questo governo, totalmente allineato ai voleri della UE e della NATO, dei poteri che hanno voluto e determinato l’avvento dello stesso Draghi, della BCE e del FMI. L’idea per cui il Governo Draghi figurerebbe in un contesto diverso da quello di Monti, si rivela falsa perché non ci sarà un così grande fiume di denaro da Bruxelles a Roma, ma solo una serie di prestiti condizionati e vincolati  al rigido rispetto dell’austerità dal Regolamento del Recovery Plan”.

“Mentre si lavora per assicurare a Draghi, la più ampia maggioranza parlamentare mai vista, bisogna dire che la cifra di 209 miliardi di euro si suddivide su sei anni, ed in parte va a sostituire altre spese già presenti nel Bilancio dello Stato e deve essere considerato al netto dei trasferimenti che l’Italia sarà chiamata ad effettuare nei confronti delle istituzioni europee, sia per quanto riguarda il Recovery Fund, sia per quanto concerne il Quadro Finanziario Pluriennale”.

“Insomma – sottolinea Rizzo – è realistico ipotizzare un ammontare inferiore a 10 miliardi di euro all’anno per i prossimi sei anni. Per tutto questo ci “prendiamo” Draghi che ha azzerato la politica, annientata anche dal suo trasformismo. Il Movimento 5 Stelle e il PD ora governano coi ministri di Berlusconi, con quelli tra i più esposti nel berlusconismo; per non parlare della Lega che ora governa col Partito Democratico. I ministeri importanti, quelli dove ci sono le risorse, sono in mano ai tecnici, quindi direttamente a Draghi. Alla cosiddetta politica sono state date delle figurine o poco più. Anche per tutto questo chiediamo al popolo italiano, a chi vive del proprio lavoro di partecipare alla MOBILITAZIONE NAZIONALE CONTRO il GOVERNO DRAGHI con MANIFESTAZIONI nelle CITTÀ ITALIANE -SABATO 27 FEBBRAIO- alle ORE 15”, conclude il segretario generale del Partito Comunista.




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Inter, ombre cinesi per Conte & co.: Suning dice addio al Jiangsu Fc

A novembre il primo scudetto della sua storia. Ora, a poco più di tre mesi …

Rispondi