Roberto Scarnecchia chef, da calciatore nella Roma di Falcao alla stella Michelin: le mille vite dell’ala più veloce degli anni Ottanta

15 febbraio 2021 – 07:24

Le molte vite dell’ex centrocampista: protagonista in campo anche con Napoli, Milan e Barletta, ha studiato economia e si è specializzato nella ristorazione: ha aperto molti ristoranti a Roma, ma ad Asti ha conquistato il premio della guida Michelin

di Andrea Sereni

Calciatore e chef stellato. È possibile, ovviamente non nello stesso momento. Lo dimostra la storia di Roberto Scarnecchia, oggi affermato cuoco e imprenditore nel ramo della ristorazione, negli anni 80 ala destra della Roma di Falcao e del Milan di Baresi. Romano, classe 58, soprannominato «Bigino» o «Speedy Gonzales» per lo scatto bruciante, Scarnecchia ha amato la cucina fin da bambino: «Era sufficiente aprire il frigorifero di mamma per restare affascinato. I pomodori rosso fuoco, la mozzarella, il basilico fresco. Quel trionfo di colori lì, la materia prima e non ancora le ricette, mi affascinarono più di tutto». Ma scelse, almeno all’inizio, il pallone.

Scarnecchia nel suo ristorante di Roma

15 febbraio 2021 | 07:24

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Inter-Atalanta, Conte e Gasperini re dei big match

Lunedì al Meazza si sfidano due squadre reduci da una striscia di vittorie, che segnano …

Rispondi