Sassuolo, De Zerbi: “Dopo le prime 7 del campionato ci siamo noi, il Bologna è un modello”

Sassuolo-Bologna, partita con tanti stimoli di prestigio e di classifica per entrambe le squadre. Per De Zerbi un appuntamento importante dopo la vittoria di Crotone

Importante derby emiliano contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Nel Sassuolo prende la parola il tecnico De Zerbi: “Ci stiamo stabilizzando subito dopo le migliori sette squadre d’Italia, è quasi due gironi che siamo all’ottavo posto, che siamo subito dopo le prime 7. Sembra tutto scontato, ma dietro abbiamo squadre come il Torino, come la Fiorentina, come la Sampdoria, come il Verona che sta facendo campionati strepitosi. Eppure appena perdiamo qualche partita veniamo criticati, in questo mondo bisogna abituarsi a farsi scivolare le cose addosso. Dobbiamo solo cercare di vincere un’altra partita. La nostra società è contenta e orgogliosa di quello che stiamo facendo. Io non mi accontento mai, vedo quello che di buono facciamo, però poi quando faccio un resoconto parziale, se guardiamo dove siamo partiti, dobbiamo essere orgogliosi anche noi. Spero che lo siano anche i nostri tifosi, stabilizzarsi ottavi dietro le grandi squadre italiane non è facile. Siamo a più 19 sulla terz’ultima, e la terz’ultima si chiama Cagliari che è guidata da un grande allenatore. Guardarsi indietro, non significa precluderci l’ambizione di guardare avanti. Scalzare le prime sette è difficile, però siccome ci sono ancora tante partite e noi siamo in crescita fisicamente e come singoli, la speranza e la voglia di arrivare sopra c’è e rimane intatta”.

De Zerbi analizza il Sassuolo ma non solo il Sassuolo: “I problemi li hanno tutti. Adesso c’è il Bologna, sono una squadra forte e giovane, con una modalità di gioco simile alla nostra, entrano in campo con una identità chiara, per fare la loro partita. Spesso il primo anno qui io ho preso come esempio il Bologna, perchè sono sempre andati in tutti i campi per cercare di vincere. Questo atteggiamento gli ha sempre dato vantaggi. Il 4-3 all’andata ci è andata bene, loro potevano anche chiuderla, tra noi e loro le partite sono sempre in bilico. Voglio vedere anche il sangue da parte della mia squadra, il fatto di essere sempre attenti, concentrati, con l’obiettivo chiaro in testa. Qualche dubbio di formazione ce l’ho, Bourabia è sempre fuori, non so se ce la facciamo a recuperare Chiriches, mentre Defrel sta molto molto meglio”.


Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Dall’AUC solidarietà per Stryger Larsen: “La maglia l’hai sempre sudata!”

Ecco lo striscione che domani accoglierà allo stadio Stryger Larsen, lo sfortunato protagonista dell’ultima sfida …

Rispondi