Nelle fauci di invincibili draghi. Italiani, risvegliatevi. Ecco come

 

 

Se le banche d’affari e i poteri forti osteggiano il sovranismo

è perché amano un solo popolo

e a tal punto odiano invece tutti gli altri

da averne decretato l’eliminazione.

Per incenerirli,

li gettano nelle fauci di invincibili draghi dalle vampe di fuoco.

A riprova che il sacrificio è gradito,

subito i mercati azionari scodinzolano:

crolla lo spread, le borse si impennano.

 

Se il nemico ha disseminato il territorio italiano di testate nucleari

neutralizzato i giovani con droghe e psicofarmaci

alimentato corruzione, mafie e business dell’immigrazione

se ci ha intossicati con il veleno dell’ignoranza

soffocati di bruttezza

e annegati in una realtà virtuale

è perché ci vuole morti. 

 

Quando il sangue dei nostri antenati sarà annacquato,

e meticciati i cromosomi, governarci sarà più facile.

Intanto il Nuovo Ordine Mondiale,

con l’obbligo di indossare la mascherina,

ha cancellato i volti

e soppresso il più naturale dei diritti, il respiro.

 

Sudditi rinchiusi nella gabbia del politicamente corretto,

a lezioni di obbedienza.

 

 

Cittadini plagiati dai media

sorvegliati da intelligenze artificiali

bannati da algoritmi:

umilianti stazioni lungo la Via Crucis del cosiddetto progresso,

prima di giungere al Calvario della robotizzazione.

 

Siamo ormai a un passo dalle foibe ove intendono precipitarci

ma qui, già da tempo, imperversa il neocomunismo,

celato dietro al volto bifronte di omologazione e mondialismo.

Eppure potremmo sottrarci all’orrore di una tale prospettiva.

 

E opporle il sogno di un’Italia migliore

che riscopra il suo artigianato millenario

primeggi in cucina nella moda nel design

partorisca capolavori

tuteli la bellezza del paesaggio

rilanci un turismo sostenibile

investa nella ricerca scientifica

dia impulso all’industria tessile nautica aerospaziale

esplori nuovi settori in cui eccellere.

 

Se un giorno si risveglieranno dall’incubo, dall’ipnosi,

gli Italiani dovranno muoversi su vari fronti:

respingere i clandestini

proibire l’usura

abbandonare la NATO

così da restituire finalmente un po’ di pace al Mediterraneo

stracciare i trattati di Maastricht e di Schengen

per riconquistare sovranità territoriale e monetaria.

 

 

 

La nostra Costituzione, ingenua, presuntuosa, truffaldina,

uno strumento che si è perciò dimostrato inadeguato

a difenderci dalla dittatura europea,

sarebbe da archiviare senza troppi rimpianti.

Oltre a mostrare inevitabili segni di vecchiaia,

contiene in effetti innumerevoli obbrobri.

L’articolo 11 impedisce ad esempio di indire referendum

su questioni di politica estera.

E, guarda caso, fu dettato dal banchiere Luigi Einaudi.

Sembra che, sulle questioni cruciali,

i signori del denaro, e della guerra,

non tengano in gran conto il parere del popolo sovrano.

 

Se un domani riconquistassimo la libertà,

bisognerà bandire la Massoneria

sopprimere enti inutili

disinfestare le Università dalla gramigna delle baronie

limitare i privilegi del Vaticano. E arginarne le ingerenze.

 

Sarà necessario curare il delirio collettivo,

mediante il ritorno alla logica,

abolire censura e reati di opinione

resuscitare la lingua italiana.

 

Urgente intervenire sul dissesto idrogeologico

demolire gli ecomostri

boicottare il 5G.

 

Quanto all’energia, perché non attingerne anche dai vulcani attivi,

ricorrere alla forza delle maree

sfruttare le correnti dello Stretto di Messina?

 

 

Potremmo edificare una piccola grande Repubblica azzurra

incentrata su sensibilità etica, sapienza, compattezza etnica

e spirito imprenditoriale.

 

Occorrerà combattere la speculazione finanziaria.

Scoraggiare i pirati delle multinazionali

dal predare le nostre ricchezze.

 

Ribellarsi sin d’ora all’ibridazione uomo-macchina

resistere agli obblighi vaccinali.

 

Sogniamo uno Stato che nasca dal cuore

dall’intelletto

dalla cultura del nostro popolo.

E anteponga l’essere umano alle catene digitali.

 

Desideriamo amministratori esperti e leali,

in carica per brevi periodi, con stipendi equi.

 

Vagheggiamo una giustizia che assicuri tempi rapidi

e certezza delle pene.

Un Consiglio Superiore della Magistratura eletto per meriti

e controllato da un’assemblea di giudici popolari.

 

Immaginiamo un’economia

guidata da onesti e competenti rappresentanti

espressione di ogni singola categoria di lavoratori.

 

Pretendiamo un fisco che non affami i contribuenti.

E una burocrazia snella.

 

La vergogna delle pensioni “da fame” dovrà finire.

 

 

In tema di edilizia popolare,

ai connazionali sarà riservato un trattamento privilegiato.

 

Puntiamo a una Sanità illuminata, che prevenga la malattia

e rimetta al centro il paziente, la sua salute.

 

Aspiriamo a un’istruzione attenta alle sfide della modernità

ma che non trascuri lo studio di materie fondamentali

quali storia geografia letteratura arte scienza musica filosofia greco e latino

una scuola che accenda passioni

stimoli lo spirito critico, la capacità di ragionare e approfondire

preveda corsi per i più dotati.

 

Crediamo in un’Italia che produca e al contempo si riproduca:

per scongiurare un destino di morte,

auspicabili politiche atte a incrementare la natalità degli italiani.

 

Vorremmo che i ragazzi tornassero a sorridere

e il futuro non li spaventasse.

 

La nostra stirpe non intende arrendersi.

La più luminosa civiltà del pianeta non può, non deve estinguersi.

Serve procedere con intelligenza, slancio e determinazione

diffondere sempre maggior consapevolezza

tenersi alla larga da quel marciume dei partiti che tutto insozza

e contamina.

Per una società più giusta, fiera, armoniosa,

i sogni non ci mancano.

Spetta a noi realizzarli. A qualunque costo.




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Pd, parte la sfida a Zingaretti. Marcucci: “Aprire il confronto congressuale”

“Zingaretti è stato eletto alle primarie dove era chiaro il quadro: noi eravamo una forza …

Rispondi