Euro Donne 2022, l’Italia contro Israele si gioca la qualificazione. Bertolini: «Cresciamo ancora»- Corriere.it

Mercoledì l’Artemio Franchi (ore 17.30, diretta su Rai2) ospita l’Italia al primo dentro o fuori nella qualificazione agli Europei femminili di calcio 2022. Contro Israele – battuta 2-3 in trasferta ad agosto 2019, quando il calcio e il mondo erano molto più sereni – le azzurre di Milena Bertolini cercano la qualificazione nello stesso stadio che tre anni fa le vide vittoriose nella campagna verso Francia 2019 (dove poi caddero ai quarti contro l’Olanda finalista).

Cambia la competizione, ma l’obiettivo è sempre lo stesso: vincere e conquistare il pass per Inghilterra 2022 (6-31 luglio). La buona notizia è che l’Italia dovrà vincere con soli due gol di scarto, e non sei, per evitare gli spareggi qualificazione: venerdì, infatti, la Finlandia ha sconfitto il Portogallo abbassando la soglia per le azzurre. Quest’incontro era in programma a settembre, ma è stato rinviato per il lockdown autunnale e viene recuperatao ora. L’Italia è seconda nel Gruppo B e spera di rientrare nelle tre migliori seconde classificate, evitando così i playoff (che rimangono il traguardo minimo, già centrato), il cui sorteggio sarà effettuato il 5 marzo (vi sono già qualificate Irlanda del Nord, Portogallo, Russia e Ucraina)

«Dobbiamo vincere a tutti i costi e quindi un po’ di pressione c’è – ha spiegato in conferenza stampa la c.t. – Per continuare il nostro percorso di crescita è fondamentale saper gestire queste pressioni. In questi giorni abbiamo lavorato bene, con entusiasmo e attenzione, studiando le caratteristiche avversarie e concentrandoci sui nostri punti di forza. Le ragazze hanno fatto il massimo, siamo pronte per questo appuntamento».

Mancherà ancora Alia Guagni costretta a rinunciare nuovamente alla convocazione a causa di un infortunio: «È una delle calciatrici più forti che abbiamo e sappiamo quanto tenga alla maglia azzurra. Ci mancherà, giocheremo anche per lei».

Capitan Sara Gama, invece, non vuole sentire parlare di pressione: «In questo stadio abbiamo scritto una pagina di storia ed è quindi sempre bello giocarci . Però nello sport bisogna sempre guardare al futuro, proiettandosi sui nuovi obiettivi da centrare. Siamo qui per questo. Ci siamo allenate al meglio, ed è il modo migliore per gestire questa pressione: lo abbiamo fatto durante i 9 giorni di ritiro e saremo padrone del nostro destino. Dobbiamo approcciare la gara con lo spirito giusto per non vanificare gli sforzi fatti durante questo lunghissimo percorso di qualificazione. Manca l’ultimo sforzo».

Al momento sono qualificate agli Europei: Austria, Belgio, Danimarca, Inghilterra (squadra organizzatrice), Finlandia, Francia, Germania, Islanda (come una delle migliori seconde), Olanda (campione in carica), Norvegia, Spagna, Svezia

23 febbraio 2021 (modifica il 23 febbraio 2021 | 20:08)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Inter-Atalanta, le pagelle: De Vrij leader vero, 6,5. Djimsiti (7,5) e Romero (7) super

Inter-Atalanta, le pagelle: De Vrij leader vero, 6,5. Djimsiti (7,5) e Romero (7) super Il …

Rispondi