in

«Ho imparato tanto dal Sic, il suo modo di affrontare la vita e le corse era unico»- Corriere.it

Ho imparato tanto dal Sic il suo modo di affrontare
Spread the love


«Nulla sarà più come prima, senza di lui». La scomparsa di Marco Simoncelli, il 23 ottobre 2011, aveva segnato nel profondo l’animo di Fausto Gresini, già provato dalla tragedia di Daijiro Kato, scomparso nel 2003 a Suzuka. Due promesse della MotoGp bruciate all’alba di una carriera in ascesa. Con Marco probabilmente fu più dura per l’ex campione romagnolo, perché a differenza del timido giapponesino, dall’animo gentile e dai modi garbati, Marco era un leone. Uno che conquistava chiunque con la sua energia, la sua sincerità travolgente e contagiosa. Impossibile restarne immuni.


Afp

Fu così anche per Fausto, che definiva il pilota di Riccione «un guerriero, uno che non mollava mai». Nei momenti difficili e nei successi, Marco sorprendeva sempre per l’ottimismo e la genuina esuberanza che sapeva infondere a tutta la squadra. Una forza della natura, in pista e fuori. Fausto ne rimase subito affascinato. «Ho imparato tante cose da lui — dirà in seguito —. Perché Marco era speciale. Per il suo modo di affrontare la vita e le corse».

Sembrava un ragazzone irrequieto e scanzonato, salvo rivelarsi «un professionista meticoloso». Così lo ricorderà Gresini, dopo la tragedia del 2011 in Malesia. Un momento terribile per la carriera dell’ex pilota. Trovare la forza di superarlo fu una prova decisiva perché l’idea di mollare tutto fu il tormento che rischiò di travolgere il suo futuro di affermato manager del Motomondiale. A un passo dal gettare la spugna, Gresini trovò invece nel profondo della sua anima la capacità di continuare. Forse per onorare il sacrificio del suo pilota. O di entrambi i suoi ragazzi

LaPresse
LaPresse

Quest’anno ricorreranno dieci anni dalla morte del Sic e Fausto di sicuro avrebbe pianto un’altra volta, riaprendo una ferita mai del tutto sanata. C’è una foto molto bella che circola in queste ore di lutto, li ritrae insieme abbracciati, Fausto e Marco. Due amici, due compagni. Ancora una volta insieme.

23 febbraio 2021 (modifica il 23 febbraio 2021 | 14:27)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Conte di nuovo prof venerdi allUniversita di Firenze

Conte di nuovo prof, venerdì all’Università di Firenze

Maturita e poi

Maturità, e poi?