in

Rummenigge: “Scudetto? Inter favorita. Derby? Fatto i complimenti a Marotta. Lukaku…”

Rummenigge Scudetto Inter favorita Derby Fatto i complimenti a Marotta
Spread the love


L’ex calciatore dell’Inter, Karl-Heinz Rummenigge, ha parlato del club nerazzurro dopo il successo nel derby contro il Milan

Karl-Heinz Rummenigge, ex calciatore dell’Inter e attuale Ceo del Bayern Monaco, è intervenuto in collegamento ai microfoni di Sky Sport da Roma a poche ore dall’andata degli ottavi di finale di Champions League tra la formazione teutonica e la Lazio di Simone Inzaghi.

Si parla di SuperLega e del futuro del calcio mondiale: “Non ne sono un grande tifoso. Il problema del calcio si chiama Covid. Da un anno giochiamo le partite senza tifosi, che ci mancano tanto per quanto riguarda la cultura ma certamente anche per l’incasso. Il calcio soffre. Questo è un lato negativo, ma c’è anche la chance di ritrovare la normalità. Tutte le società, soprattutto le grandi, negli ultimi 10 anni hanno esagerato. Abbiamo speso anno per anno sempre di più per ingaggi e cartellini. Ora si può ritrovare la normalità“.

Rummenigge esulta per il successo dell’Inter nel derby e parla della corsa scudetto: “Ho visto la partita e mi piaciuto il risultato. Ho fatto i complimenti al mio amico Beppe Marotta. Sono contento che l’Inter, dopo qualche anno di sofferenza, adesso è tornata alla grande. È un momento felice e io credo che sia la grande favorita per lo scudetto. I tifosi chiedono quello. Incrocio le dita! Lukaku? È bravo, ha giocato molto bene il derby, ma non solo. Mi piace, lavora molto per la squadra, segna e fa gli assist. È eccezionale tecnicamente, viene criticato ma è molto bravo sia tecnicamente che al tiro”.



Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

E esplosa come avevo previsto

“E’ esplosa come avevo previsto”

In pensione il 31 ottobre faro mio dovere fino alla

“In pensione il 31 ottobre, farò mio dovere fino alla fine”