in

Stella Rossa-Milan, cori razzisti contro Ibrahimovic: Uefa apre inchiesta

Stella Rossa Milan cori razzisti contro Ibrahimovic Uefa apre inchiesta
Spread the love


Nonostante la gara di Belgrado fosse a porte chiuse, insieme alla dirigenza serba sulle tribune c’erano persone che hanno rivolto insulti di natura discriminatoria a Zlatan

L’Uefa ha aperto un’inchiesta sugli insulti razzisti ricevuti da Zlatan Ibrahimovic a Belgrado, nell’andata dei sedicesimi di Europa League tra Stella Rossa e Milan. Il 39enne fuoriclasse svedese, tenuto a riposo da Pioli, ha assistito alla gara dalla panchina rossonera, situata sugli spalti del Marakana. Sulle tribune c’erano anche i membri dello staff serbo, la dirigenza e alcuni non meglio precisati “ospiti” della Stella Rossa (la gara era a porte chiuse), che si sono resi protagonisti di insulti di natura discriminatoria nei confronti di Ibra, preso di mira per le sue origini bosniache.

Le scuse

—  

I responsabili sono stati individuati anche attraverso l’uso dei video: il club di Belgrado s’è scusato con Ibra, precisando di essere totalmente contrario a ogni forma di discriminazione e sottolineando come il comportamento di pochi singoli non debba macchiare il nome di una squadra fortemente anti-razzista come la Stella Rossa. Le norme Uefa ritengono il club padrone di casa responsabile per gli episodi che avvengono negli stadi, di qualunque genere siano. Al momento non è stata fornita una dead line per la presentazione del rapporto della commissione disciplinare. Il match di ritorno, dopo il 2-2 di Belgrado, è fissato per le 21 di giovedì al Meazza.



Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Il primo a credere in me e stato Umberto Smaila

«Il primo a credere in me è stato Umberto Smaila Il rock? Ascolto la classica»- Corriere.it

E esplosa come avevo previsto

“E’ esplosa come avevo previsto”