in

Pioli: ‘Lo United? Sono i favoriti ma con loro il Milan ha fatto la storia…’

Pioli Lo United Sono i favoriti ma con loro il


Il tecnico rossonero dopo il sorteggio: “Per noi sarà una gara stimolante e motivante”

Fascino, storia e trofei alzati al cielo sono gli appigli migliori a cui aggrapparsi dopo aver conosciuto il destino in attesa del Milan negli ottavi di Europa League. Non eravamo a Milanello quando dall’urna è uscito l’accoppiamento con lo United, ma possiamo immaginare la sequenza di reazioni. La prima: ma che sfiga… La seconda: sarà davvero dura. La terza: sì, ma se ce la facciamo, andiamo dritti fino in fondo. La quarta: e poi chi dice che partiamo battuti? Una sorte di crescendo rossiniano. Grosso modo potrebbe essere andata così fra dirigenti, giocatori, allenatore e staff tecnico. Raccontano che, per quanto ovviamente conscio del coefficiente di difficoltà della sfida – altissimo –, l’ambiente rossonero sia allo stesso tempo adrenalinico per il valore di questo incrocio. Storico e attuale.

Riflessioni

—  

La reazione a caldo di Stefano Pioli, affidata all’Ansa, è stata ovviamente equilibrata: “Per noi sarà una gara stimolante e motivante, affrontiamo la grande favorita della competizione. Un avversario e uno stadio che ricordano momenti gloriosi della nostra storia”. Per il resto delle riflessioni, ci sarà tempo. Anche perché prima di capire se il venticello rossonero si sposterà finalmente verso il bello, occorre attendere l’esito delle prossime tre partite di campionato. Prima della gara di andata a Old Trafford, infatti, il Milan giocherà con Roma, Udinese e Verona. Ovvero la possibilità di affrontare i diavoli inglesi con un bioritmo migliore, senza partire per Manchester nelle vesti scomode di vittime designate.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Da dipendenze a disturbi sonno ecco conseguenze Dad

“Da dipendenze a disturbi sonno, ecco conseguenze Dad”

No prove di malattia piu grave in under 18

“No prove di malattia più grave in under 18”