in

Fonseca pre Roma-Milan: “Non credo alla crisi dei rossoneri”

Fonseca pre Roma Milan Non credo alla crisi dei rossoneri
Spread the love


Il tecnico dei giallorossi: “Un conto sono i risultati, un altro il gioco”. E sull’interessamento del Benfica: “Penso solo al presente e alla Roma”

Sette minuti di conferenza, pochissimi concetti espressi se non uno, fondamentale: non credere alla crisi del Milan. Paulo Fonseca a Trigoria, alla vigilia della partita di domani sera contro i rossoneri, ancora una volta preferisce non sbilanciarsi in sala stampa ma pensare solo al lavoro sul campo.

Sa, d’altronde, che la sfida contro il Milan è di quelle complicate, perché i rossoneri hanno vinto 9 trasferte su 11 e la Roma fatica a battere le big. Detto questo, la sua squadra è in un buon momento mentre quella di Pioli appare più in difficoltà: “Ma io – ribatte Fonseca – a questa crisi non credo. Un conto solo i risultati, un altro le prestazioni e il Milan per me resta sempre molto forte, fortissimo. Stanno facendo una grande stagione”. La Roma, però, ha fiducia: “Ho visto grande voglia di fare una buona partita, noi abbiamo la nostra identità e non la cambieremo”. Identità che nella Roma passa tanto anche da Mkhitaryan e nel Milan da Ibra: “Uno è decisivo per noi, l’altro per loro. Sono due grandi giocatori che stanno facendo un’ottima stagione”.

spina a sinistra

—  

Sulla formazione Fonseca dice poco o nulla, se non che “Kumbulla sarà convocato e Spinazzola giocherà a sinistra”. Quindi, con Mancini e Cristante, ballottaggio tra l’ex Verona e un altro difensore di ruolo, con Fazio avanti rispetto a Juan Jesus. Dalla settimana prossima, poi, si rivedrà Smalling: “Sta meglio”, ammette Fonseca. In attacco spazio a Borja Mayoral, con El Shaarawy che all’occorrenza potrebbe anche giocare prima punta vista l’assenza di Dzeko per almeno due settimane: “L’altra volta mi avevate chiesto se poteva giocare come terzino – scherza Fonseca -. A parte tutto, non lo abbiamo provato come attaccante ma in caso di necessità può farlo”.

lo stadio

—  

Battute finali extra Milan sono sullo stadio e sull’interesse del Benfica nei suoi confronti: “Io faccio l’allenatore – spiega Fonseca -, ma posso solo dire che il presidente ha una grande voglia di fare uno stadio per la città e i tifosi. Per il resto io sono focalizzato solo sulla Roma e sul presente”. E il presente, appunto, si chiama Milan.



Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Lombardia zona arancione dal 1 marzo appello di Sala ai

Lombardia zona arancione dal 1 marzo, appello di Sala ai milanesi

Conte La politica era asservita a economia il Covid ha

Conte: “La politica era asservita a economia, il Covid ha cambiato la storia”