in

Milan, Udinese sfida maturità: rientro capitano, Leao e duo Tonali-Diaz

Milan Udinese sfida maturita rientro capitano Leao e duo Tonali Diaz
Spread the love


Con Ibra che tornerà a Milano a sostenere, l’osservato speciale sarà il portoghese chiamato a sostituirlo. Tomori out, torna Romagnoli mentre tra centrocampo e trequarti i due giovani sono ora chiamati a fare la differenza

La curiosità più appetitosa, ovvero verificare come Ibra sarebbe riuscito a gestire il doppio impegno sul palco di Sanremo e in campo con l’Udinese, è destinata a restare tale. Zlatan questa sera sarà a San Siro, ma semplicemente nelle vesti di motivatore. La sfida contro i friulani però offre ugualmente altri spunti importanti, soprattutto dopo la magnifica vittoria sulla Roma all’Olimpico di domenica scorsa, successo che ha restituito al Diavolo quel ruolo di primo piano che aveva traballato dopo le sconfitte con Spezia e Inter. Ecco i tre temi principali della partita con l’Udinese.

OCCHIO AL CAPITANO

—  

Al centro della difesa torna Romagnoli dopo la rumorosissima esclusione a Roma per pura scelta tecnica dell’allenatore. La sensazione è che il capitano questa sera si sarebbe riappropriato della maglia da titolare a prescindere da tutto (era ragionevole pensare a un turno di riposo per Kjaer, visti i numerosi impegni ravvicinati), ma Tomori è alle prese con un affaticamento muscolare che consiglia prudenza. Quindi, punto interrogativo risolto alla radice, senza necessità di troppe dietrologie e riflessioni polemiche. Da quanto filtra da Milanello, davanti a Donnarumma giocherà quella che fino alla settimana scorsa era considerata la coppia di centrali titolare, ovvero Kjaer e Romagnoli. Maldini prima della sfida con la Roma aveva ammesso che il capitano c’era rimasto male per la scelta dell’allenatore – e ci mancherebbe che non fosse così -, occorrerà quindi verificare l’approccio psicologico nel momento di tornare in campo. Romagnoli ha ovviamente tutte le qualità – tecniche e mentali – per superare indenne questo momento complicato, a patto di non cadere in altri errori evidenti come nelle due partite con la Stella Rossa e nel derby.

NIENTE ZLATAN? CANTA LEAO

—  

Di nuovo lui. Ancora lui. Ma certo, ormai è Rafa il vice-Ibra designato. Lo dicono i fatti – tutti i suoi gol messi a segno in questa stagione sono arrivati giocando da prima punta -, lo raccontano i movimenti e il tipo di gioco che il portoghese garantisce quando decide di essere in giornata sì. Il punto ovviamente è sempre quello: ci sono altre occasioni – e purtroppo non sono poche – nelle quali invece la giornata resta no e lui fa poco o nulla per cambiarne l’inerzia. Leao dal primo minuto (ma anche a gara in corsa) è un perenne punto di domanda: come entrerà? Come si comporterà? Può spaccare il mondo così come non lasciare mezza traccia, ma il Milan ha comunque scelto di puntare e investire tempo, pazienza e denaro su questo ragazzo dalle qualità immense. Con Zlatan fuori circa tre settimane, il palcoscenico rossonero è affar suo. A lui onori e oneri nel saperlo gestire.

LA NUOVA SPINA DORSALE

—  

Dopo un periodo, nemmeno troppo lungo, di relativa calma in infermeria, il Milan è stato costretto a fare nuovamente i conti con assenze importanti. Perdere Ibra e Calhanoglu nello stesso momento, sebbene il nazionale turco fosse ancora alla ricerca di una condizione accettabile, è una botta dall’impatto piuttosto violento. A cui si aggiunge l’assenza di Bennacer. In pratica il Diavolo ha perso ancora una volta l’asse centrale che parte davanti alla difesa e arriva nel cuore dell’attacco. Ecco perché, oltre a Leao, ci si attende un deciso cambio di passo anche da Tonali e Brahim Diaz. Con l’Udinese toccherà a loro ricamare, inventare, costruire e, ovviamente, anche proteggere. Tonali a Roma ha mostrato qualche segnale decisamente confortante, mentre Diaz rientrava dopo un’assenza di parecchie settimane. Insomma, ognuno ha i suoi bravi motivi per cambiare marcia, soprattutto per potersi mettere nelle condizioni di creare difficoltà a Pioli nelle scelte quando la rosa tornerà al completo.



Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Arrestato capo Ultras Insurrezione in casa 1 kg hashish e

Comuni: Decaro (Anci) a Brunetta, 'afflitti da gravi carenze di organico'

Piano per la scuola a settembre In classe non piu

“Piano per la scuola a settembre. In classe non più di 15-16 alunni”