in

“Piano per la scuola a settembre. In classe non più di 15-16 alunni”

Piano per la scuola a settembre In classe non piu
Spread the love


“A me la chiusura delle scuole non piace, ma oggi purtroppo di sembra inevitabile”. Lo afferma ad Affaritaliani.it il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso commentando il nuovo Dpcm che prevede la chiusura di tutte le scuole, comprese gli asili, le materne e le primarie, nelle zone rosse. “Gli esperti ci dicono che la variante inglese è particolarmente contagiosa tra i bambini. Ho parlato poco fa con il ministro Bianchi e siamo molto dispiaciuti, si tratta dell’ennesima ferita al comporto scolastico. Purtroppo, e parlo come Stato anche se le responsabilità sono del governo precedente, negli ultimi dodici mesi è stato fatto poco, per essere buoni, per mettere in sicurezza le nostre scuole”.


 

Molti genitori si lamentano affermando che i bambini vengono chiusi in casa quando nelle strade e nelle piazze ci sono moltissimi giovani spesso senza mascherina e con pochissimi controlli… “Bisognerebbe dire al ministro dell’Interno e alle autorità locali di intensificare i controlli, però occorre stare attenti a non andare verso uno Stato di Polizia. Ovviamente, purtroppo, è più facile chiudere le scuole”, spiega il sottosegretario leghista.

Sasso poi annuncia: “Stiamo già lavorando al prossimo anno scolastico che inizierà a settembre perché siamo preoccupati. Il ministro ha già avviato tavoli con le Regioni sul fronte dell’edilizia scolastica perché se le classi vengono ridotte a 15 o 16 alunni e non gli attuali 25 con impianti di areazione nuovi e funzionanti si abbassa enormemente il rischio di contagio. Nei prossimi giorni sarò a Vo’ Euganeo, comune tristemente famose perché epicentro della prima pandemia, per vedere se il loro esempio di ammodernamento delle scuole si può esportare a tutta Italia. E’ indispensabile farlo rapidamente”.

“L’urgenza della situazione, però, ci impone di chiudere le scuole in zona rossa. Sindaci e governatori ci dicono che purtroppo c’è un’impennata. Nell’anno scorso sono stati spesi centinaia di milioni di euro per provvedimenti e misure del tutto inefficaci. Il ministro Bianchi è riuscito a portare a casa nel Dpcm la possibilità per i bambini di recarsi in centri ludici e del mondo del terzo settore. E io stesso, su mandato del ministro, mi occuperò della tutela dei bambini con disabilità che vanno ancora più protetti e per i quali non si può certo utilizzare la didattica a distanza. L’articolo 43 del Dpcm dice che i bambini disabili possono andare in presenza”, conclude il sottosegretario Sasso.





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Milan Udinese sfida maturita rientro capitano Leao e duo Tonali Diaz

Milan, Udinese sfida maturità: rientro capitano, Leao e duo Tonali-Diaz

Aggressione a Brumotti e troupe Striscia la notizia una denuncia

Aggressione a Brumotti e troupe ‘Striscia la notizia’, una denuncia