in

Accordo Ue-USA su dazi: Ursula von der Leyen invita Biden al summit di Roma

Accordo Ue USA su dazi Ursula von der Leyen invita Biden
Spread the love


 La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha avuto un colloquio telefonico con il presidente americano, Joe Biden, e i due hanno deciso “in segno di un nuovo inizio di sospendere tutte le tariffe imposte nel contesto delle controversie Airbus-Boeing, sia su prodotti aerei che non aerei, per un periodo iniziale di quattro mesi”. Lo rende noto von der Leyen.    

“Entrambi ci siamo impegnati a concentrarci sulla risoluzione delle nostre controversie sugli aeromobili, sulla base del lavoro dei nostri rispettivi rappresentanti commerciali. Questa è un’ottima notizia per le imprese e le industrie su entrambe le sponde dell’Atlantico e un segnale molto positivo per la nostra cooperazione economica negli anni a venire”, ha dichiarato la presidente della Commissione.

Infine la von der Leyen ha invitato l’inquilino della Casa Bianca al summit di Roma sulla Salute che si terrà nell’ambito del G20 il 21 maggio. “L’Ue e gli Stati Uniti sono entrambi i principali produttori di vaccini e abbiamo un forte interesse a lavorare insieme per il buon funzionamento delle catene di approvvigionamento globali”, ha spiegato von der Leyen dando conto della telefonata avuta con il capo della Casa Bianca. “Per preparare meglio il mondo ad affrontare future pandemie e migliorare la sicurezza sanitaria in tutto il mondo, ho invitato il presidente Biden al Summit sulla Salute globale a Roma il 21 maggio”, ha dichiarato la presidente della Commissione Ue.





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Biden vuole unAmerica piu aperta e giusta verso limmigrazione

Usa, verso l’approvazione dei mega ristori da 1,9 trilioni di dollari

Vaccini inglesi arrabbiati con Draghi a Johnson non piace lo

Vaccini, inglesi arrabbiati con Draghi: a Johnson non piace lo stop all’export