De Toma Drago e Silvestri in FdI Tre ex 5

De Toma, Drago e Silvestri in FdI. Tre ex 5 Stelle scelgono la Meloni

“FdI e’ per molti, ma non per tutti”. Rispolvera un vecchio slogan pubblicitario di successo, il capogruppo alla Camera del partito di Giorgia Meloni, Francesco Lollobrigida, per presentare le tre new entry nei gruppi parlamentari, provenienti dal Misto ma con un robusto passato dentro M5s: i deputati Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri e la senatrice Tiziana Drago. Nella giornata di ieri, le nuove adesioni sembravano essere solamente due, mentre dalla conferenza stampa di stamani a via della Scrofa e’ arrivata l’ufficialita’, e con essa la presentazione, dei tre nuovi parlamentari FdI. “Abbiamo sempre evitato la campagna acquisti – ha spiegato Lollobrigida – la nostra e’ una battaglia di opposizione dura, che non si sa quando finira’. Auspichiamo di tornare al voto presto per scelte chiare e ridare la parola ai cittadini. Queste – ha concluso – non saranno pero’ le ultime adesioni”. “Stiamo accogliendo – ha spiegato il responsabile Organizzazione, Giovanni Donzelli – le persone con profili compatibili con noi. Quando uno fa una scelta nell’unico partito di opposizione, non fa una scelta di interessi, ma dettata da battaglie ideali. Siamo disponibili solo ad accogliere chi fa questa scelta per convinzione”. Quanto ai diretti interessati, presenti nella sede di via della Scrofa, la senatrice Tiziana Drago, introdotta dal suo nuovo capogruppo, Luca Ciriani, ha sottolineato di aver fatto questa scelta “per coerenza” e che si trattera’ “di un’opposizione dialogante”, mentre la deputata Rachele Silvestri, che ha sostenuto nelle Marche la candidatura di Francesco Acquaroli, ricorda di aver “condiviso in questi anni con FdI alcune battaglie”. Per il suo collega Massimiliano De Toma si tratta di una “scelta ponderata”. De Toma ha ribadito di non aver condiviso la scelta di Draghi premier: “Per ora non ho visto grandi cambiamenti, e coerentemente non ho votato la fiducia a questo governo. Saremo molto attenti e vigili sul suo comportamento”.

FdI: non è campagna acquisti, abbiamo forte capacità attrattiva – L’adesione ufficiale a Fratelli d’Italia di parlamentari ex M5S – la senatrice Tiziana Drago e i deputati Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri – “non è una campagna acquisti da parte del partito. E’ solo dare disponibilità a quei parlamentari che come noi non hanno creduto in questo governo. Una reazione che si sta vedendo ovunque e che manifesta l’auspicio di tornare al voto”. Lo ha detto il capogruppo alla Camera di FdI nel corso della conferenza stampa per dare l’annuncio (con loro presenti) dell’arrivo dei tre parlamentari grillini. Giovanni Donzelli, responsabile organizzazione del partito, ha chiarito che le adesioni hanno “profili per noi compatibili. Noi siamo opposizione e da parte loro è una evidente scelta di condivisione, con proposte in linea con FdI”. Per il capogruppo al Senato Luca Ciriani con Drago, De Toma e Silvestri “diamo voce ai territori. Abbiamo una capacità attrattiva, siamo forza di opposizione e questo non ci penalizza ma ci fa crescere”. La senatrice Tiziana Drago ha spiegato che “l’adesione a FdI nasce da temi sui quali mi sono impegnata in questi anni. Io voglio una opposizione dialogante, intelligente sui temi che vengono proposti. A partire dal Pnrr per arrivare alla scuola”. Il deputato Massimiliano De Toma ha rilevato come questa sia “una decisione maturata nel tempo: siamo usciti dai 5 stelle prima della pandemia. La scelta fatta dal Conte due e tutti i suoi decreti nei confronti delle imprese non mi hanno convinto: le difficoltà sono emerse sempre di più e mi hanno spinto a non dare la fiducia al governo Conte 3”. Anche da parte di Draghi comunque, ha aggiunto De Toma, “non ho visto grandi cambiamenti per quelle imprese che non hanno ricevuto risorse adeguate”. Infine Rachele Silvestri ha sottolineato: “I valori di FdI sono coerenti con i miei valori”. Con Fratelli d’Italia “ho condiviso tante battaglie e sono felice di poter contribuire a portare la voce di territori dimenticati, come quelli devastati dai terremoti. E poi c’è l’ambiente, altro valore importante”.




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

These Neanderthals Werent Cannibals So Who Ate Them Stone Age

These Neanderthals Weren’t Cannibals, So Who Ate Them? Stone Age Hyenas.

ROME — When a Neanderthal skull was discovered in a cave on the property of …

Rispondi