Pierre Kalulu

“Non sento la pressione. Theo m’impressiona, Ibrahimovic…”

MILANOPierre Kalulu, difensore centrale francese classe 2000, si è così espresso in esclusiva ai microfoni di eurosport.fr sui suoi primi mesi di avventura al Milan. Ecco le sue dichiarazioni.

SULL’ADDIO AL LIONE:Ci sono molte cose che entrano in gioco, è stata la prima scelta da fare nella mia giovane carriera. Di solito, quando sali di rango, la tua idea è solo quella di fare un anno in più al club. Ma tutto è stato fatto in modo abbastanza semplice. Il Milan mi ha tenuto molto. È stata un’opportunità unica. Nessuno può prevedere cosa sarebbe successo se fossi rimasto a Lione. Forse sarebbe andato tutto bene, forse no. Anche il Milan è stato un salto nell’ignoto. Dovevano esserci apprensioni. Ma dietro c’era anche un vero interesse e un vero progetto. Ecco perché mi sono appoggiato al Milan. Aulas? Non c’è risentimento, sono stato in buoni rapporti. Posso chattare normalmente e non ho rimpianti”.

SU MALDINI:Ovviamente quando ti parla Paolo Maldini … Già da calciatore senti che c’è qualcuno davanti a te. In seguito, non l’ho davvero visto suonare. All’epoca ero ancora giovane. Ma questo aggiunge un vantaggio. C’è brio dietro”.

SUL PROGETTO MILAN:Quando sei giovane e vedi un club che vuole fidarsi dei giovani, questo conta molto. Leao, Saelemaekers, Bennacer … Potrei dire praticamente tutti i nomi. Quasi tutti sono effettivamente giovani. È certo che è bello avere una possibilità e poter vincere. L’allenatore si fida di me. Posso mostrare di cosa sono capace”.

IL CALCIO ITALIANO E QUELLO FRANCESE:Ci sono differenze, è vero. Direi soprattutto che è un calcio diverso. Non credo che uno sia migliore dell’altro. Ma qui abbiamo un approccio più impegnativo al gioco su alcuni punti, come la moltiplicazione delle gare da fare. In Francia, facciamo un po ‘meno. Non tanto per pigrizia, ma semplicemente perché la visione del calcio è diversa. Quando vieni qui, sicuramente cambia. Ma per me, alla fine, il calcio è il calcio: due gabbie e una palla. Qui l’aspetto tattico è diverso, anche l’aspetto tecnico. È un’altra mentalità e un altro requisito. Ma è ancora il calcio”.

SULL’ESORDIO:Lo sapevo un giorno o due prima. Stranamente, non c’era nessuna pressione particolare. Non mi sono detto: “Vado a vestire la maglia del Milan, ecc.” I miei amici mi chiedono se ho spesso una pressione extra. Io dico di no. È la stessa pressione quando sei nel distretto, nell’U17, nella squadra francese … Quando giochi una partita importante, hai sempre una pressione speciale. Ma per me è esattamente lo stesso. Una volta in partita, tutto passa”.

SUI GUANTI… DI IBRA:Ho visto che questa storia era stata trasmessa. Cominciavo a ricevere notifiche al mattino … Ad essere sincero, le versioni cambiavano ancora a seconda delle lingue. In italiano andava bene. Successivamente l’ho visto in inglese e le cose stavano cominciando a cambiare. E quando l’ho visto in francese … Ma mi ha fatto sorridere molto. Senza entrare nei dettagli, non era niente di speciale. La storia è stata un po ‘esagerata. Non era niente di male, era nella foga del momento”.

SULLA SUA CRESCITA:Non lo so, sicuramente dai miei genitori. Nella mia formazione personale, calcistica o esterna, hanno sempre sostenuto il lavoro. Quando sai che stai facendo il lavoro secondario, che sei onesto con te stesso, che hai fiducia in te stesso e nei tuoi partner … Tutto sta andando bene. Poi, nel calcio, puoi anche sbagliare. Stiamo costantemente imparando. La pressione, puoi averla un secondo prima di toccare la prima palla. Sono ancora giovane, credo di potermi migliorare ovunque. Se vuoi progredire, devi sempre cercare di lavorare. Questa è la mentalità da avere. Nei duelli, nel revival, nelle offensive … posso ancora progredire ovunque. Tutto può essere migliorato. A questo livello, l’importante è essere a terra. Quando sei giovane, prendi quello che c’è da prendere. Dipende anche dalla squadra in cui giochi e da come interpreti il ​​ruolo. Mi stanno entrambi bene”.

SULLA STAGIONE DEL MILAN: “Per noi ora ogni partita è come una finale. In campionato puntiamo a qualcosa di importante e questo significa vincere. Non importa chi sia l’avversario. Una partita porta sempre tre punti. E contro il Manchester, in Europa League, ovviamente sarà una partita con la mannaia “.

Kalulu, Theo e Calhanoglu
Kalulu, Theo e Calhanoglu

SULLA CONVOCAZIONE IN NAZIONALE:Innanzitutto provo un grande senso di orgoglio. Sarò onesto, questa è la prima volta che aspetto l’elenco. Di solito, o sono stato informato o l’ho vista dopo. Ma c’era l’euro e quello era uno dei miei obiettivi firmando anche qui. Sono molto felice. Con questa squadra spero che potremo fare buone prestazioni”.

SU THEO:Personalmente, mi colpisce. Visto dalla panchina, in una partita, è qualcosa che colpisce. Quando prende la palla, si gira e lo vedi andare, hai l’impressione di vedere un treno. È quello che ci diciamo negli spogliatoi. Non puoi stare davanti a lui. Va a 2000 l’ora. Ma non si tratta solo di correre per correre, ha una tecnica impressionante e una qualità nei passaggi. Quando raggiungi un tale livello, vuoi necessariamente unirti alla tua selezione. Lui sta aspettando. Non ho dubbi che a un certo punto se ne andrà, anche se la concorrenza è dura”.




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

1620360977 Lakers Anthony Davis wont return against Clippers due to back

Lakers’ Anthony Davis won’t return against Clippers due to back spasms

Lakers forward Anthony Davis didn’t return to Thursday’s game with the Clippers because of back …

Rispondi