in

Europeo Under 21, Allarme azzurrini: con la Slovenia senza quattro titolari

Europeo Under 21 Allarme azzurrini con la Slovenia senza quattro
Spread the love


Martedì la sfida che può portarci ai quarti ma non ci saranno Tonali, Scamacca, Rovella e Delprato. Per il c.t. Nicolato scelte obbligate

Dal nostro inviato Alex Frosio

Il giorno dopo si fa la conta e i numeri sono stretti, per quantità e qualità. L’Under 21 azzurra si prepara all’ultimo decisivo scontro martedì con i padroni di casa della Slovenia sapendo che con una vittoria si va ai quarti, da giocare a fine maggio, ma anche dovendo affrontare l’emergenza.

L’emergenza

—  

Con la Spagna l’Italia ha finito di nuovo in nove uomini, come con la Repubblica Ceca all’esordio, per via delle espulsioni di Scamacca – esageratissima, due ammonizioni per sbracciate per nulla violente – e Rovella (rosso più… meritato per un tentativo di testata a Mingueza), che quindi saranno squalificati. Ma all’appello mancherà anche Delprato, ammonito in entrambe le partite. Aggiungendo la stangata ai danni di Tonali – tre giornate – significa che l’ultima partita la giocheremo senza quattro giocatori.

Scelte obbligate

—  

Quattro titolari. Almeno uno per reparto e ben due nel settore che proprio non aveva bisogno di soffrire altre assenze. In regia, infatti, la rosa azzurra si era già impoverita a inizio torneo, quando il c.t. Nicolato aveva dovuto rimandare a casa l’empolese Samuele Ricci – un regista, appunto – per indisponibilità. Con la Repubblica Ceca al comando delle operazioni era andato Tonali: espulso. Con la Spagna è toccato a Rovella: eccellente, molto meglio di Tonali, ma espulso anche lui. Quindi con la Slovenia la batteria di centrocampisti si riduce ai soli Frattesi, Pobega e Maggiore. Scelte obbligate è dire poco. Almeno in difesa, perso l’eccellente Delprato di questo inizio Europeo, rientreranno Gabbia e Marchizza, dopo il turno di stop. Ma con la Slovenia serviranno i gol, e perdere Scamacca è un duro colpo. Tra l’altro, anche l’attacco era partito per l’Europeo zoppicando per la rinuncia a Pinamonti. Caso paradossale: l’attaccante dell’Inter, già capitano con Nicolato al Mondiale Under 20, è stato “sconvocato” in quanto l’Ats aveva bloccato la partenza dei nazionali nerazzurri. Poi le autorità sanitarie hanno dato l’ok, in tanti hanno lasciato la Pinetina per rispondere alla chiamata delle nazionali, ma Pinamonti ormai era stato sostituito da Colombo nella rosa azzurra. Dovranno pensarci Cutrone e Raspadori, che tra l’altro nel finale ha rischiato parecchio per un’entrata su Cucurella. Ci mancava pure quello…

La situazione

—  

Il destino è nelle mani azzurre: l’Italia ha due punti, come la Repubblica Ceca che non ha saputo battere la Slovenia (e ha pareggiato con un altro autogol, come con noi). Ai cechi tocca la Spagna che con 4 punti non può comunque permettersi regali e che se vincesse ci farebbe bastare persino un pareggio. Il paradosso? Un arrivo a pari punti, pari differenza reti e pari gol segnati con la Repubblica Ceca. Così si deciderebbe in base al fair play, e lì non siamo messi benissimo. Intanto sono stati stabiliti gli accoppiamenti per la fase a eliminazione diretta: la vincente del gruppo dell’Italia troverà la seconda del gruppo D (ora in testa Portogallo e Svizzera) e giocherà a Maribor, alla seconda toccherà la vincente del gruppo D e giocherà a Lubiana.



Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Aerei nel 2020 crollo delle emissioni di CO2 ma i

Aerei, nel 2020 crollo delle emissioni di CO2, ma i passeggeri in media hanno inquinato di più- Corriere.it

Trentino gli orsi raddoppieranno entro il 2026 La Provincia Ora

Trentino, gli orsi raddoppieranno entro il 2026. La Provincia: «Ora siamo preoccupati»- Corriere.it