in

Bonaccini stronca i colleghi governatori:”Nessuno compra Sputnik senza ok Ema”

Bonaccini stronca i colleghi governatoriNessuno compra Sputnik senza ok Ema


“Abbiamo bisogno che le multinazionali, che fino oggi hanno avuto un comportamento assolutamente vergognoso, consegnino le dosi per i contratti che hanno sottoscritto ricevendo peraltro a proposito di istruzione, di ricerca, educazione, ingenti quantità di denaro pubblico, appunto per fare ricerca. Se davvero come pare arriveranno 100 milioni di dosi nel secondo e terzo trimestre questo Paese e questa regione potranno vaccinare tutte le persone. E’ il primo grande scoglio da superare per la ripresa”, con queste parole il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo alla trasmissione televisiva In Mezz’ora in più ha accusato le big pharma.

Rispondendo ad una domanda sull’ipotesi che qualche regione acquisti il vaccino russo Sputnik, Bonaccini – presidente della conferenza Stato-regioni – ha chiarito che, “Nessuna regione italiana può acquistare vaccini senza l’autorizzazione di Ema o Aifa. Nessuno può acquistarle, anche volendo” perché’ questo prevedono le regole. “Se poi cambieranno – ha aggiunto – ognuno di noi può darsi da fare”.

Il presidente emiliano romagnolo ha anche puntato il dito contro gli operatori sanitari che si sono sottratti alla vaccinazione: “E’ scandaloso che chi deve tutelare oltre alla propria vita quella degli altri rimanga al proprio posto se non si vuole vaccinare”. Per Bonaccini occorre introdurre una norma per destinarli ad altra mansione e si e’ detto “fiducioso” che venga a breve introdotta. “Anche io condivido che infermieri e medici siano vaccinati, altrimenti non possono stare al loro posto”, ha detto.





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Non venite vi aiuteremo a casa vostra cosi Biden ai

”Non venite, vi aiuteremo a casa vostra” così Biden ai migranti

Governo Borghi Lega voti contro il dl Nel Carroccio cresce

Governo, Borghi: “Lega voti contro il dl”. Nel Carroccio cresce l’insofferenza