Priorita agli anziani e ai fragili Corriereit

«Priorità agli anziani e ai fragili»- Corriere.it

Bisogna «intervenire tempestivamente» nelle situazioni dove non è possibile garantire la sicurezza, ma «per tutto il resto è necessario che la campagna vaccinale prosegua rapidamente con regole uniformi su tutto il territorio nazionale, dando priorità agli anziani e ai soggetti fragili». Interviene anche Ezia Maccora, presidente aggiunto dei gip di Milano, sul caso dei vaccini al personale giudiziario, dopo l’appello comparso oggi su alcuni quotidiani, firmato dall’Associazione nazionale magistrati, che sollecita di inserire la magistratura nelle categorie prioritarie a cui somministrare i vaccini. «È vero che in alcuni settori della giustizia e in alcuni territori le condizioni di lavoro non sono adeguate e mettono a rischio la salute degli operatori e degli utenti, nel settore penale ad esempio ci sono palazzi di giustizia con aule assolutamente inadeguate ad ospitare processi con un numero elevato di persone che non possono svolgersi da remoto», è il ragionamento di Maccora. E in questi casi «occorre tutelare la salute di tutto il personale amministrativo, avvocati, magistrati e utenti», intervenendo anche con norme che consentano di rinviare quei procedimenti che non possono essere celebrati in sicurezza.

Ma «per il resto» bisogna appunto rispettare la linea del governo, ribadita – fanno sapere fonti di via Arenula- già dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia durante il colloquio con l’Anm: ovvero procedere per classi di età, in nome del principio di uguaglianza e per evitare la competizione tra le categorie. Maccora parla da giudice ma anche da persona comune: spiega nel suo post su Facebook di essere stata ammalata di Covid, lo scorso marzo, ricoverata, e aver visto persone care «ammalarsi e perdere la vita». Eppure di essere convinta di non voler «passare davanti a nessuno«: «Aspetto il mio turno come è giusto che sia».

Tra l’altro, il colloquio tra la ministra e l’Anm c’è stato il 18 marzo scorso, fanno sapere sempre fonti dal ministero della Giustizia, quando i magistrati furono anche informati che sarebbe stato prorogato lo stato di emergenza per l’attività giudiziaria (domani per decreto il termine verrà portato al 31 luglio). Perché allora, se i magistrati conoscevano bene la linea del governo, hanno rilanciato l’appello, avvertendo «Se non ci vaccinate fermiamo la giustizia»? «Non vedo nell’allarme lanciato dall’Anm un tentativo di condizionamento quanto, piuttosto, la richiesta responsabile di un approfondimento sui rischi che si corrono nei tribunali italiani- risponde il sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto a Radio 24– Il piano vaccinale non è in discussione – prosegue -, ma pretendere che non si segnalino criticità mi sembra troppo».

Inevitabilmente la questione, anche alla luce dei cinque pm accusati della Direzione antimafia accusati nei giorni scorsi di aver saltato la fila, finisce per scatenare il dibattito politico. «Modello Palamara anche per farsi vaccinare prima? Una vergogna», scrive su Facebook il leader della Lega Matteo Salvini. «Allora cosa dovrebbero dire gli addetti alle casse dei supermercati e tanti altri lavoratori che durante la pandemia non si sono mai fermati? Il corporativismo delle categorie forti è una forma di egoismo che nega il principio costituzionale di uguaglianza e di solidarietà», scrive l’ex presidente della Toscana Enrico Rossi (Pd). Severo pure Maurizio Gasparri (Fi), che parla di «casta delle caste» e sottolinea: « Chiedono una corsia preferenziale per essere vaccinati. Per quale ragione? Tante categorie svolgono attività pubbliche e non chiedono privilegi». Secondo Davide Faraone (Italia Viva) «appare semplicemente incredibile lo stop annunciato dai magistrati che rifiutano di lavorare senza immunità : basterebbe guardare fuori da ciascuna categoria per capire che siamo tutti nello stesso destino e che una gara a chi arriva primo è dannosa, oltre che lesiva della dignità di ciascuno». Gianfranco Micciché, presidente dell’assemblea regionale siciliana protagonista di un video in cui impreca per un contagiato a palazzo dei Normanni, parla di «ricatto bello e buono»: «e nessuno apre bocca, appena io dico la stessa cosa sui politici, vengo dileggiato e massacrato, tra un po’ mi tirano le pietre per strada».

29 marzo 2021 (modifica il 29 marzo 2021 | 13:08)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Vaccino covid AstraZeneca e over 80 chi dovra aspettare scaled

Vaccino covid, AstraZeneca e over 80: chi dovrà aspettare

Vaccino agli over 80 e alle persone fragili. Poi, dopo gli anziani, toccherà alle categorie. …

Rispondi