Venezuela il regime chavista si vaccina con lo Sputnik V

Coronavirus, le sei fake news di Nicolas Maduro ai venezuelani

Nicolás Maduro, il dittatore del Venezuela è probabilmente, insieme a Donald Trump, il politico più bannato dai social per fake news. Nell’anno della pandemia ha ricevuto continui richiami e la sua pagina Facebook è adesso congelata da un mese. Ma questo spazio chiuso è ben poca cosa rispetto alle false comunicazioni trasmesse al Venezuela in una sorta di delirio di onnipotenza del designato da Hugo Chavez.

Durante l’anno del Covid-19, secondo organizzazioni come il Press and Society Institute (IPYS) e l’Espacio Público, la censura chavista è diventata ancora più dura e ha bloccato ben 25 media digitali e arrestato quasi 400 giornalisti.

La comunicazione del dittatore durante il Coronavirus è stata quotidiana e l’uomo ha parlato da medico e scienziato, lanciando una serie di fake che entreranno nei libri di storia come esempio di falsità scientifiche senza pari. Tra queste le sei più significative:

Un’arma da guerra

Prima che il virus esplodesse nel mondo Maduro sosteneva la tesi che il Coronavirus del mercato di Wuhan fosse una “arma di guerra” contro la Cina. “Ci sono molte analisi-sosteneva Maduro-che confermano come il Coronavirus sia un ceppo creato per la guerra biologica contro la Cina. Ci sono già molti elementi a conferma di questa tesi ed è necessario quindi alzare la voce e mettere in guardia sul fatto che il Coronavirus sia un’arma da guerra usata contro i cinesi e ora contro i popoli del mondo in generale ”.

Erbe aromatiche, limone e zenzero

Nel passato marzo, quando non c’erano nemmeno 100 casi di Covid in Venezuela, Maduro annunciò una presunta cura del presunto scienziato venezuelano Sirio Quintero. Una miscela di erbe di malojillo, sambuco, limone e zenzero che avrebbe curato la malattia, un farmaco molto promettente persino contro il cancro. Maduro lo definiva un “dottore” nonostante l’uomo non avesse alcun titolo universitario. I riferimenti sullo “scienziato” Quintero si potevano trovare in Aporrea, il portale chavista dove è un editorialista regolare. Sostiene di avere studi in Filosofia delle Scienze in Italia e Germania e di aver applicato la nanotecnologia alla biomedicina e alla tossicologia nelle accademie tedesche e russe. Inoltre, la propaganda chavista confermava che l’uomo fosse l’inventore del “protocollo bioelettromedicina” e della “genetica dell’onda ricostituente umana”. Twitter comunque ha cancellato un suo tweet in cui era stata diffusa la ricetta della miscela e alcuni articoli dove veniva confermato che il Coronavirus è un “parassita intracellulare” progettato “dal potere imperiale” come arma bioterroristica.

L’Idrossiclorochina e la Clorochina

Così come Jair Bolsonaro e Donald Trump, Maduro ha difeso con forza l’uso dell’idrossiclorochina e della clorochina – farmaci per la malaria e il lupus – come trattamento per il Covid. Il farmaco è stato inserito in un kit di trattamento, insieme ad altri senza prove di efficacia come l’ivermectina, e distribuito su pazienti asintomatici usati come vere e proprie cavie. Maduro ha inoltre promosso l’uso di altre terapie sperimentali senza evidenze scientifiche, come l’interferone alfa 2b sviluppato a Cuba, il plasma dei guariti dal virus, alcune gocce omeopatiche cubane, ozono terapia e medicina naturale.

Il virus colombiano

Maduro ha detto, in diverse occasioni, che la diffusione del virus avrebbe più a che fare con le sue posizioni politiche che con l’epidemiologia. Il ritorno dei migranti venezuelani nel paese durante i primi mesi della pandemia – circa 160.000 in tutto il 2020, secondo l’Ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni Unite – è stato considerato dal presidente venezuelano come la causa dell’espansione dei contagi nel paese . “Abbiamo l’attacco del virus colombiano che Iván Duque invia con i camionisti. Nessun paese al mondo è soggetto a un’invasione del virus da un altro paese-dicendo che-i migranti erano armi biologiche”.

Gli scienziati venezuelani hanno sconfitto il virus al 100%

Il 25 ottobre 2020, Maduro ha affermato che gli scienziati venezuelani avevano trovato una molecola chiamata DR-10, in grado di “annientare” il Coronavirus. “Il Venezuela ha realizzato un medicinale che cancella al 100% il coronavirus”, ha detto il dittatore mostrando una specie di fiala con un liquido giallo. Senza alcun supporto scientifico, ha detto di aver avviato l’iter di certificazione davanti all’Organizzazione mondiale della sanità per “ratificare i risultati ottenuti dall’IVIC”. Il principio attivo della molecola è un derivato dell’acido ursolico di una pianta, che non è tossico per l’uomo, che è stato testato su epatite B, papillomavirus umano ed Ebola e test di laboratorio in vitro presso l’Istituto Venezuelano di Ricerche Scientifiche per la SARS -CoV-2.

Le gocce miracolose

L’ultima fake di Maduro è stata il Carvativir, venduto al popolo come le gocce miracolose del dottor José Gregorio Hernández, nome che lo stesso presidente creato in onore del noto medico del XIX secolo, potenziale santo cattolico. Il Carvatir è un prodotto a base di timo che, secondo Maduro, “neutralizza le cellule virali”. Il farmaco è stato distribuito su tutto il territorio nazionale e venduto in farmacia “Può essere usato come profilassi, per rafforzare la salute e l’immunità; Viene utilizzato in modo curativo come terapeutico, per tutti i casi: coronavirus asintomatico, con sintomi lievi, moderati, gravi e molto gravi; e anche post-Covid ”. E’ stato sviluppato nell’Istituto venezuelano di ricerca scientifica, ma molti esperti hanno detto di non essere a conoscenza di alcun studio a proposito.

E il Venezuela moribondo per la crisi economica e per il virus deve sopportare anche le analisi mediche di un Presidente come Nicolas Maduro.




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Rivarolo Canavese : Quattro omicidi e un tentativo di suicidio

Quattro omicidi e un tentativo di suicidio

Ha sparato e ucciso sua moglie, suo figlio figlio disabile e una coppia di anziani …

Rispondi