per lui e la prima volta in un Master 1000

per lui è la prima volta in un Master 1000- Corriere.it

Dall’altra parte del mondo c’ un ragazzo italiano che sta facendo magie. Jannik Sinner per la prima volta nei quarti di finale di un Masters 1000: a Miami, il 19enne altoatesino ha strapazzato 6-3 6-2 il finlandese Emil Ruusuvuori, numero 83 del mondo, e attende il vincente del match tra Fritz e Bublik.

Il successo

Cresciuto in montagna, Jannik sta scalando il ranking mondiale a mani nude: al momento, Sinner – partito trentunesimo – al numero 26. Sta salendo grazie ai suoi soliti mezzi: il tennis e la testa, che non esce mai dal campo, come successo nell’eroico successo contro Khachanov. E pensare che il match a Miami era iniziato con oltre 35 minuti di ritardo per un problema al sistema Hawk-Eye, che ha riportato i giudici di linea in campo. Nervosismo comprensibile: dopo due break nei primi due game, l’ottavo stato quello in cui Sinner ha tolto il servizio al finlandese (che ha per un coach italiano, Federico Ricci), prima di chiudere 6-3. Nel secondo set, invece, un break nel terzo e uno nel settimo gioco per completare l’opera in un’ora e 11’. Sono felice, ma il torneo non ancora finito, dice Sinner, quarto italiano a raggiungere i quarti di finale a Miami: in precedenza era toccato a Cristiano Caratti nel 1991, a Diego Nargiso nel 1992 e a Fabio Fognini nel 2017. Stavolta potrebbero essere addirittura due, visto che Lorenzo Sonego ancora in corsa, anche se nella notte atteso dal match contro la seconda testa di serie del tabellone, il greco Stefanos Tsitsipas. Sinner dalla parte di tabellone di Medvedev, in un torneo che non vede la presenza di Djokovic e Nadal: forse ha ragione lui, il torneo non finito, e i quarti di finale possono essere solo una tappa di passaggio.

30 marzo 2021 (modifica il 30 marzo 2021 | 21:34)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Verona Fiorentina Faraoni non delude e merita 65 Venuti decisivo 7

Verona-Fiorentina: Faraoni non delude e merita 6,5. Venuti decisivo, 7

Verona-Fiorentina: Faraoni non delude e merita 6,5. Venuti decisivo, 7 L’esterno è il migliore della …

Rispondi