Europa Salvini lancia lasse sovranista con Orban e Morawiecki

Europa, Salvini lancia l’asse sovranista con Orbán e Morawiecki


Per ora è solo un’intesa di principi su «una nuova idea d’Europa», senza impatti sugli equilibri del Parlamento Ue. Ma nulla esclude che sfoci in un’alleanza, magari già per le elezioni comunitarie del 2024.
Il leader della Lega Matteo Salvini è volato il primo aprile a Budapest per un vertice con il primo ministro ungherese Viktor Orban e il suo omologo polacco Mateusz Morawiecki.
I tre hanno lanciato il progetto di un «rinascimento europeo», un asse fra forza sovraniste per una «visione alternativa a quella di una Unione Europea burocratica e lontana dai cittadini».
L’obiettivo è di allargare il raggio d’azione «altri partiti e di altri governi, oltre a esponenti della società civile a partire da imprenditori e intellettuali».

L’ipotesi di un’unica famiglia dei sovranisti a Bruxelles

L’obiettivo dell’incontro era di saldare una convergenza fra le forze sovraniste rappresentate a Bruxelles, scavalcando gli steccati fra i gruppi del Parlamento Ue. La Lega è la principale forza di Identità e democrazia, la sigla di partiti nazionalisti che include il Rassemblement National di Marine Le Pen e i tedeschi di Alternative für Deutschland. Fidesz, il partito presieduto da Orban, è in cerca di una nuova dimora dopo la rottura con il centrodestra Partito popolare europeo. Diritto e giustizia, la famiglia di Morawiecki, è uno degli assi portanti dei Conservatori e riformisti, l’alleanza di sigle euroscettiche guidata dall’italiana Giorgia Meloni.

Loading…

Lo sbocco naturale dell’intesa sembrerebbe quello di un gruppo unico per le forze nazionaliste in vista del voto del 2024, con la fusione fra le famiglie di Identità e Democrazia (75 seggi, 28 della Lega) e quella dei Conservatori e riformisti (62 seggi).
Le affinità ideologiche fra i due gruppi sono evidenti, dall’ostilità a una maggiore integrazione economica delle Ue alla spinta per riforme restrittive dell’immigrazione e «difesa delle frontiere».
Il matrimonio fra i due darebbe vita a una forza da 137 seggi nell’Eurocamera, un drappello sufficiente a insidiare da destra la cosiddetta maggioranza Ursula imbastita dalle famiglie europeiste di Popolari, Socialisti&Democratici e i liberali di Renew Europe, con l’appoggio esterno dei Verdi.
Fonti vicine alla Lega precisano che l’obiettivo non è il lancio di un nuovo gruppo parlamentare, anche se l’ipotesi di una sinergia fra le due principali sigle euroscettiche è in cantiere da tempo.


Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

LItalia e nel caos e Draghi tace Il silenzio del

Sondaggi, il virus cambia gli italiani. Serve leader forte e libertà limitata

Sondaggi, il virus cambia gli italiani. Serve leader forte e libertà limitata Il Coronavirus ha …

Rispondi