Hong Kong si prepara alla riforma elettorale e condanna otto

Hong Kong si prepara alla riforma elettorale e condanna otto attivisti


Prime condanne per le proteste antigovernative del 2019 a Hong Kong. Nove sostenitori della democrazia sono stati condannati per aver organizzato e partecipato a un’assemblea illegale durante le proteste di massa che hanno sconvolto l’ex colonia britannica. Sono i primi effetti della National security law che prevede pene molto severe per chi mette in pericolo la sicurezza nazionale. Tra gli attivisti ci sono il magnate dei media e fondatore del tabloid Apple Daily, Jimmy Lai, e l’82enne Martin Lee, un veterano del movimento per la democrazia della città.

La tabella di marcia

Le condanne arrivano mentre Hong Kong cerca di dare attuazione alla riforma della legge elettorale varata dal Congresso nazionale del popolo l’11 marzo scorso.

Loading…

Il governo guidato da Carrie Lam, che cerca di risollevare le sorti dell’economia locale gravemente compromesse, presenterà una bozza di piano per la revisione del sistema elettorale della Regione amministrativa speciale entro metà aprile, da rivedere e approvare entro maggio.

Se il programma procede come previsto, le elezioni si terranno a settembre e i nuovi componenti del Consiglio legislativo si riuniranno a dicembre. Le elezioni del capo dell’esecutivo si terranno nel marzo del prossimo anno. Elezioni già slittate rispetto ai termini naturali a causa della pandemia, almeno formalmente.

Il mandato di Carrie Lam scadrà nel giugno 2022 con la possibilità per lei di poter beneficiare di un secondo mandato. La svolta elettorale è destinata a pesare su Hong Kong, in abbinata con la National security law.


Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Borrell Condizioni Navalny preoccupanti Mosca e responsabile

Borrell: «Condizioni Navalny preoccupanti. Mosca è responsabile»

«La situazione di Navalny è molto preoccupante. Ho ricevuto una lettera dal suo team, siamo …

Rispondi