Denise Pipitone è Viva? Gruppo sanguigno di Olesya entro il weekend

Denise Pipitone è Viva? Gruppo sanguigno di Olesya entro il weekend

Potrebbe essere questione di ore, la soluzione del “giallo” di Denise Pipitone. Anche prima del confronto con il test del DNA fatto da Olesya Rostova – la 20enne russa rapita da bambina e ora in cerca della madre – una prima risposta di compatibilità potrebbe infatti arrivare dal gruppo sanguigno. Lo dice apertamente l’avvocato di Piera Maggio, la madre di Denise: “Aspettiamo il gruppo sanguigno di Olesya, appena lo avremo lo confronteremo con quello di Denise. Se sarà compatibile procederemo con il test del DNA”. Ma quando potrebbe essere conosciuto? “Spero entro il fine settimana di avere le idee più chiare”, è la risposta dell’avvocato Giacomo Frazzitta, intervenuto ieri in occasione della trasmissione ‘Chi visto?‘ spiegando che la madre del bambino scomparso non era presente perché aveva subito un piccolo intervento chirurgico.

Chi è Olesya Rostova. Tutti i dubbi sulla ragazza russa

La storia di Olesya

Olesya ha 21 anni, in tv russa – nello show “Lasciali parlare” sul primo canale – ha detto di essere stata rapita da bambina e trovata in un campo rom. Ha poi trascorso l’infanzia in un orfanotrofio e ora cerca disperatamente le sue origini. La ragazza non ha documenti, non conosce nemmeno il suo vero nome, ma avrebbe circa 20 anni.

Al momento non è facile contattare Oleysa, spiega l’avvocato: la ragazza proprio per cercare la madre è andata, con la troupe dell’emittente russa che aveva contattato per lanciare il suo appello, in un villaggio a mille chilometri da Mosca. Va detto, tuttavia, che ha già fatto il test del DNA per rintracciare i suoi genitori. Il confronto con il DNA di Piera Maggio sarebbe quindi possibile in breve tempo. Ma il primo e più semplice passo è conoscere il gruppo sanguigno.

La somiglianza e i dubbi

La somiglianza di Olesya con Piera Maggio è stata molto sorprendente. “È notevole”, ammette l’avvocato. E anche l’età coincide: la ragazza ha 21 anni, la stessa età che avrebbe Denise Pipitone.

Tuttavia, c’è un dettaglio che non può essere spiegato: Olesya non ricorda nulla della sua infanzia prima del suo periodo in orfanotrofio. E lei non conosce una parola di italiano mentre Denise, quando è scomparsa, era abbastanza grande per parlare correttamente l’italiano e anche il dialetto siciliano. Inoltre, il volto di Olesya non assomiglia alla ricostruzione del volto di Denise da adulta effettuata dalla polizia Ris.

Ricerca di nuove speranze

Mamma Piera sta aspettando. “Speranzosa ma cauto”. “Negli ultimi anni abbiamo assistito a tanti avvistamenti e segnalazioni – ricorda l’avvocato – Questa volta, però, stiamo seguendo una strada diversa, non abbiamo avviato i canali burocratici e giudiziari internazionali. C’è un contatto più diretto e speriamo di esserlo. in grado di arrivare prima rispetto a quei canali. Spero di avere le idee chiare entro il fine settimana “.

La famiglia di Denise Pipitone attende con cautela: “La speranza di ritrovare e riabbracciare nostra figlia non è mai venuta meno. Cautamente speranzosi aspettiamo senza illuderci”, è il messaggio sui profili social, che da anni tengono aperta la ricerca di Denise, e via che ora rimbalzano messaggi di speranza da tutto il web.

Sono passati 17 anni dalla misteriosa scomparsa di Denise Pipitone, e da quel giorno ci sono state segnalazioni dall’Italia e dal mondo di persone che credevano di aver riconosciuto il bambino; e già nel 2004 era nata una pista russa, poi distrutta.

Piera Maggio, che non ha mai smesso e non smetterà mai di cercare sua figlia, confida: “Vivo giorni in cui il coraggio è dentro di me, altri in cui emergono paure nascoste … è molto dura ma non mi arrendo e vado avanti”.

Altre News per: denisepipitonevivagrupposanguignoolesyaentro




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Un mln di voti se cacci Conte Ferramonti ex Lega

“Un mln di voti se cacci Conte”. Ferramonti (ex Lega) alla Boschi

“Un milione di voti se cacciate Conte”. Questo avrebbe detto l’ex tesoriere della Lega Gianmario …

Rispondi