decessi alti ma nuovi casi in ribasso Cosa sta succedendo

decessi alti ma nuovi casi in ribasso. Cosa sta succedendo?- Corriere.it

Un numero di morti che punta verso l’alto ma un numero di nuovi positivi che – nonostante i tanti tamponi analizzati – punta decisamente verso il basso. I dati forniti dal quotidiano bollettino della protezione civile sul Covid in Italia oggi non sono di facile interpretazione; possono indurre da un lato a cupi presagi o dall’altro a un facile ottimismo. Qualcosa, comunque, sta cambiando ma – avvertono gli esperti – occorre ormai guardare all’evoluzione nell’arco settimanale prima di trarre delle conclusioni.

Il resoconto di oggi, 7 aprile, avverte innanzitutto che il Covid ha causato ancora 627 decessi: la curva non accenna a calare e al contrario resta in salita. Era da gennaio che non si toccava una punta così alta di morti ma attenzione: il numero potrebbe essere il frutto di un ricalcolo che comprende anche eventi avvenuti nei giorni scorsi quando il flusso dei dati – causa festività pasquali – può darsi abbia proceduto a singhiozzo. L’andamento dei decessi sembra comunque raffreddare le speranze di chi spera in un rapido allentamento delle misure.

Al contrario sembra aprire orizzonti migliori il dato sui nuovi contagiati che oggi sono 13.708. Stavolta però il computo non è influenzato da ritardi dovuti alla Pasqua. Il numero di tamponi analizzati infatti è in linea con quelli di una normale giornata feriale. I test «processati» sono stati infatti 339.000, fattore che fa scendere il tasso di positività al 4%. per fare qualche confronto: il primo aprile scorso su 356.000 tamponi i positivi erano stati 23.609, il giorno successivo e331.154 e 21.930 positivi e così via. Oggi si è scesi – e di parecchio – sotto la soglia dei 20.000 nuovi contagiati.

Siamo al giro di boa? Lorenzo Pregliasco che attraverso il suo sito Youtrend monitora giorno per giorno l’evoluzione della pandemia consiglia di evitare fughe in avanti: «Non ha più senso prendere in considerazione i dati di una singola giornata perché possono essere influenzati da una molteplicità di fattori. Assai più utile è invece seguire il loro andamento in un lasso di tempo più lungo ad esempio una settimana».

Essendoci – ancora una volta – di mezzo il periodo pasquale potrebbe però essere ingannevole prendere in considerazione i numeri degli ultimi 7 giorni. Tra lunedì e oggi si sono contati 32.155 nuovi ammalati , nello stesso arco di tempo una settimana fa erano stati 51.606 e in quella ancora indietro 53.878. Il dato numerico nudo e crudo è questo; se anche nei prossimi giorni la tendenza dovesse trovare conferma, vorrebbe dire che qualcosa sta davvero cambiando.

7 aprile 2021 (modifica il 7 aprile 2021 | 19:43)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

E sicuro mischiare i vaccini Tra una dose e laltra

«È sicuro mischiare i vaccini. Tra una dose e l’altra anche 42 giorni»- Corriere.it

Dopo una prima dose di AstraZeneca si può passare a un richiamo con Pfizer o …

Rispondi