Lazio record di presenze per Radu festa a Formello

Lazio, record di presenze per Radu: festa a Formello

A Formello festa per il primato di presenze del difensore: il club gli ha regalato una gigantografia con le sue immagini più importanti e una maglia biancoceleste col numero 402

Giorno di grandi festeggiamenti oggi a Formello. La società e la squadra hanno infatti deciso di rendere il doveroso omaggio a Stefan Radu che, sabato scorso contro lo Spezia, ha giocato la sua partita numero 402 con la Lazio, diventando il calciatore col maggior numero di presenze nell’intera storia del club romano. Il premio confezionato per lui dalla società è stata una gigantografia con le sue immagini più importanti da calciatore ed una maglia biancoceleste con il numero 402 (quello, appunto, delle sue presenze). Gli è stato consegnato dal presidente Lotito e dall’ex capitano Beppe Favalli che, con 401 presenze, è stato fino a pochi giorni fa il record-man di presenze con la Lazio. Un simpatico passaggio di consegne, quindi, tra i protagonisti di due epoche diverse della Lazio. Favalli è stato uno dei pilastri di quella di Cragnotti, capace di vincere uno scudetto, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa europea e altri quattro trofei nazionali. Radu invece è stato ed è uno dei simboli della Lazio di Lotito, l’unico giocatore che ha vissuto in campo ciascuno dei sei trofei conquistati dall’attuale dirigenza.

CHE GIOIA

—  

Dopo i festeggiamenti ufficiali, per Radu sono arrivati anche quelli dei compagni di squadra. Che gli hanno regalato una sedia gigante, una specie di trono, rigorosamente biancoceleste con la scritta 402 sullo schienale (il soprannome di Radu nello spogliatoio è il Boss, per questo è stato scelto questi tipo di regalo). “Sono davvero felice – ha detto il difensore romeno a Lazio Style -. La società e la squadra mi hanno fatto due sorprese pazzesche, non mi aspettavo di ricevere questi regali. Non so chi abbia avuto questa idea, comunque è un bellissimo omaggio, me lo ricorderò per sempre. E adesso testa alle dieci finali che ci aspettano da qui alla fine del campionato”. Già, perché il regalo più bello per Radu e per i suoi compagni sarebbe una nuova qualificazione in Champions League.


Source link

About Bourbiza Mohamed

Check Also

Ranieri Con la Superlega non ci sarebbe stato il mio

Ranieri: “Con la Superlega non ci sarebbe stato il mio Leicester”

Il tecnico della Sampdoria ricorda che nel calcio non sempre vince il più forte o …

Rispondi