in

Man ha testa; Kessie una certezza, Ibrahimovic ingenuo- Corriere.it

Man ha testa Kessie una certezza Ibrahimovic ingenuo Corriereit


Queste le pagelle del Parma dopo la sconfitta casalinga con il Milan, 1-3, nel secondo anticipo della 30ª giornata di serie A:
5,5 Sepe
Niente miracoli, becca tre gol sui quali può poco.
6 Conti
Va a caccia della classica rivincita dell’ex, invece è una giornataccia. Meglio però nella ripresa.
5 Bani
Diversi duelli persi.
6 Gagliolo
Ha il merito di riaprire la partita con un gol da centravanti puro.
5,5 Pezzella
Meglio quando spinge che quando difende.
5 Hernani
Encomiabile il tentativo di dare ordine al centrocampo, ma i risultati sono modesti.
5,5 Kurtic
La corsa non manca, la grinta nemmeno, però non è sempre lucido.
6 Man
In un’intervista ha consigliato ai ragazzi: «Non fate come me, andate a scuola». Ha testa e talento, questo romeno di 23 anni. Gran secondo tempo.
5,5 Kucka
Anche lui è un ex, anche lui ci tiene particolarmente, ma gli manca il colpo vincente.
5 Gervinho
Gli anni passano per tutti, lo sprint non è più quello di un tempo: quando parte, ora quasi sempre lo riacchiappano. Giustamente sostituito all’intervallo.
6 Pellè
Fa valere il fisicone, non si arrende mai. Fosse arrivato prima di gennaio, chissà.
6 Cornelius
Dentro all’intervallo, è la mossa della disperazione: dà la scossa, con lui in attacco è tutta un’altra storia.
6 Grassi
Buon impatto.
5,5 D’Aversa
Il suo Parma si sveglia tardi ed è un peccato: giocando sempre come nel secondo tempo non avrebbe quella classifica.

Milan

Queste invece le pagelle dei rossoneri:
6,5 G. Donnarumma
Lo si nota più che altro per la maglia gialla fosforescente, poi la doppia clamorosa parata su Conti e Pellè.
6 Kalulu
In controllo su Gervinho: non fa rimpiangere il titolare Calabria.
6,5 Tomori
Ennesima prestazione convincente: va riscattato senza pensarci troppo su, i 28 milioni li vale tutti.
6,5 Kjaer
Tempismo e mestiere, governa il reparto col piglio del leader. Sulla rete di Gagliolo però non è impeccabile.
6 Hernandez
Un solo guizzo, dal quale nasce il raddoppio. Spinta e intraprendenza non sono quelle di sei mesi fa. Può e deve fare di più.
6,5 Bennacer
Regia lucida e svelta.
7 Kessie
A tutto campo: va, viene, apre, chiude. E trova il gol della sicurezza, il numero 11 di questa sua strepitosa stagione.
6 Saelemaekers
Danza per un tempo sulla destra, è per un tempo una spina nel fianco del Parma. Poi però cala.
6 Calhanoglu
Pur senza incantare, accende il gioco col suo talento.
6,5 Rebic
Tornato titolare dopo oltre un mese, alla prima palla buona fa centro. Negli ultimi mesi è mancato parecchio al Diavolo.
5 Ibrahimovic
Entra alla sua maniera in entrambi i gol, con giocate più da regista offensivo che da centravanti. Comunque, fondamentale. Ma la sua espulsione per proteste cambia la partita, uno come lui non può commettere un’ingenuità del genere.
6,5 Dalot
Innesca la terza rete.
6 Meité
I suoi chili e centimetri vengono utili nell’assedio finale.
6,5 Leao
Entra e chiude la partita con la rete del 3-1.
7 Pioli
Il solito infallibile Diavolo da trasferta centra una vittoria tanto sofferta quanto fondamentale: secondo posto blindato anche questa settimana e Champions un po’ meno lontana. La cattiva notizia è Ibrahimovic: rischia due giornate, non ci voleva.

10 aprile 2021 (modifica il 10 aprile 2021 | 20:29)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Siamo sulla buona strada fidarsi del vaccino AstraZeneca Corriereit

«Siamo sulla buona strada, fidarsi del vaccino AstraZeneca»- Corriere.it

Emilio Fede ricoverato a Milano non è in grave

Emilio Fede ricoverato a Milano non è in grave