in

Roma-Bologna 1-0: decide il gol di Mayoral

Roma Bologna 1 0 decide il gol di Mayoral


Gli emiliani dominano il primo tempo ma non sfruttano le occasioni. Per i giallorossi, con la testa all’Europa League, decide il gol dello spagnolo al 44’. Pastore in campo dopo 9 mesi e mezzo

Tre punti importanti perché tengono la Roma in vita per la rincorsa all’Europa tramite il campionato. Poi c’è l’altra di Europa, quella che vedrà i giallorossi impegnati giovedì prossimo nel ritorno dei quarti di finale con l’Ajax. Quella partita lì oggi c’era eccome nella testa della squadra di Fonseca e forse è anche inevitabile che fosse così. E lo si è visto soprattutto nel primo tempo, quando il Bologna ha dominato in lungo e largo e solo per propri demeriti non è riuscito a fare gol. Dall’altra parte, invece, il gol decisivo lo ha segnato Borja Mayoral, che in campionato non segnava da bene 9 partite. Il gol dello spagnolo tiene in vita i giallorossi, nella scia della Lazio. E regala l’entusiasmo giusto per affrontare al meglio l’Ajax.

Dominio e beffa

—  

Fonseca lascia a riposo Lopez, Pellegrini e Karsdorp, mandando dentro Mirante, Pedro e il giovane Reynolds, alla prima da titolare, la vera sorpresa della partita. Mihajlovic invece è ancora senza Tomiyasu e davanti rispolvera Palacio, al rientro dopo la squalifica che lo ha costretto a saltare l’Inter. Le motivazioni, ovviamente, sono profondamente diverse e infatti a fare la partita è sempre e solo il Bologna, con la Roma che sembra avere la testa interamente proiettata all’Ajax. Ne viene fuori un primo tempo in cui il Bologna sfiora il gol almeno tre volte (Palacio ravvicinato deviato da Ibanez a botta sicura, Svanberg di testa di un soffio alto e Mirante supera su Soriano da due passi) e altrettante si rende pericoloso (al 45’ il conteggio dei tiri dirà 9-2 per gli ospiti). Mihajlovic imposta una partita fatta di duelli individuali e marcature a uomo a tutto campo. La conseguenza è che la Roma va costantemente in sofferenza, anche perché Villar e Diawara in mezzo soffrono la pressione di Schouten e Svanberg. Reynolds è ancora troppo acerbo, Fazio arrugginito e Pedro prova a inventare qualcosa, ma quando ha la palla buona per Mayoral sbaglia completamente i giri del traversone. E non è un caso che il primo tiro in porta dei giallorossi arrivi addirittura al 24’, con Villar che impegna da fuori (eufemismo) Skorupski. Ma siccome il calcio è strano ed è bellissimo anche per questo, quando tutti si aspettavano il gol del Bologna da un momento all’altro a passare è invece la Roma: lancio di Ibanez per Mayoral, con Danilo che sbaglia l’anticipo di testa e lo spagnolo che si invola solitario verso Skorupski, lo salta con uno scavetto di qualità e insacca a porta vuota. E’ il 44’, con Mihajlovic che scalcia nervosamente una bottiglietta d’acqua, convinto che ci fosse una spinta di Mayoral su Danilo a sbilanciare il difensore brasiliano.

Micki e Pastore

—  

Ad inizio ripresa è ancora Mayoral ad avere subito una buona occasione per raddoppiare, poi il Bologna torna ad avere il pallino del gioco. Soriano spreca dal limite dopo un erroraccio di Reynolds, Barrow prova ad andar via in un paio di circostanze, mentre dall’altra parte Diawara si costruisce un bel tiro, ma senza riuscire a dare forza alla palla. Allora dopo 15 minuti Mihajlovic butta dentro Sansone e Orsolini per cercare di dare ancora più vitalità e fantasia alla manovra offensiva (e con loro entra anche Antov, con il forfeit forzato di De Silvestri). Fonseca, invece, cerca di difendere il vantaggio con le unghie, ma risponde mettendo dentro Veretout e Mkhitaryan (al rientro dopo oltre tre settimane di assenza). Così al 24’ Ibanez tenta dal limite il bis di Amsterdam, ma stavolta il tiro finisce alto, mentre Mkhitaryan si fa notare subito per un paio di spunti importanti. Poi è Skorupski a dire di no a Bruno Peres dal limite, con l’inerzia della partita che adesso è cambiata profondamente. Il Bologna non ha più la propulsione della prima ora di gioco, con i giallorossi che adesso trovano spazi per andare. E nel finale c’è spazio anche per l’esordio stagionale di Pastore, che torna in campo 9 mesi e mezzo dopo l’ultima partita (Milan-Roma del 28 giugno scorso). In extremis il Bologna va ad un soffio dal pari, ma Fazio si trova nel posto giusto al momento giusto per spazzare via l’insidia finale. Finisce così, con la Roma che porta a casa tre punti che la tengono in scia della Lazio e il Bologna a rammaricarsi di quel primo tempo assurdo, in cui non è riuscito a fare gol.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Roma Bologna Mihajlovic Non meritavamo di perdere

Roma-Bologna, Mihajlovic: ‘Non meritavamo di perdere’

Fonseca quotBene cosi ora con lAjax servira la partita perfettaquot

Fonseca: "Bene così, ora con l’Ajax servirà la partita perfetta"