in

Roma, il campionato è un priorità. Ma c’è l’Europa League…

Roma il campionato e un priorita Ma ce lEuropa League


All’Olimpico arriva il Bologna e Fonseca vuole a tutti i costi i tre punti, non solo per sperare ancora nella qualificazione in Champions, ma anche per evitare il purgatorio della Conference League

C’è il Bologna, ma c’è anche l’Ajax. Ed allora il dubbio nasce spontaneo: restare ancora con la testa dentro il campionato o tuffarsi anima e cuore nel sogno di poter alzare l’Europa League a Danzica il prossimo 26 maggio? Lo capiremo meglio domani, anche dalle scelte che farà Paulo Fonseca (scelte comunque condizionate da infortuni e squalifiche). Per stessa ammissione da parte dell’allenatore portoghese, però, la Roma non ha nessuna intenzione di mettere da parte il campionato. Almeno non fin da ora, almeno non con ancora 9 partite e 27 punti in palio. Anche perché la sfida di domani pomeriggio contro il Bologna, a conti fatti è davvero l’ultimissimo treno per sperare ancora nella prossima Champions senza passare, appunto, dal sogno di poter vincere l’Europa League. Un treno lontano, è vero, considerando i sette punti di distanza attuali dall’Atalanta (con lo scontro diretto, tra l’altro, attualmente a favore dei bergamaschi), oggi quarta in classifica. Ma un treno che, almeno sulla carta, non è ancora passato del tutto…

Questione di scelte

—  

Insomma, la partita di domani a molti sembra quasi superflua, arrivando prima di un appuntamento che può essere storico per la Roma come la partita di ritorno con l’Ajax. Quella di giovedì prossimo, infatti, è una gara che potrebbe garantire ai giallorossi la seconda semifinale europea negli ultimi tre anni solari, dopo quella di Champions del 2018 vissuta con Eusebio Di Francesco. È chiaro, di conseguenza, come il termometro della città sia altissimo, ma concentrato essenzialmente sulla sfida con l’Ajax. Ed invece prima c’è anche il Bologna, un confronto che a Trigoria non intendono assolutamente sottovalutare. Nonostante i tanti problemi legati agli infortuni (oggi se ne saprà di più sullo stop di Leonardo Spinazzola, ma il terzino resterà fuori almeno 15 giorni, saltando sicuramente Bologna, Ajax, Torino e Cagliari) e l’attesa per giovedì prossimo. E questo proprio perché Fonseca nella Champions ci crede ancora e vuole farlo anche per trasmettere un segnale positivo alla squadra.

La sfida alla Lazio

—  

L’obiettivo è alzare l’asticella delle aspettative, per tenere alta la tensione del gruppo. Anche perché se la partita con il Bologna è l’ultimo treno nella corsa alla Champions, la Roma deve comunque cercare di salire almeno un gradino rispetto al settimo posto attuale. Questo per confermare il piazzamento nella prossima Europa League ed evitare il purgatorio della Conference League. Che, tra l’altro, inizierebbe con il playoff del 19 e 26 agosto, fattispecie che complicherebbe ulteriormente i piani giallorossi in funzione della prossima stagione. Insomma, se il Bologna è l’ultimo treno per la Champions, è contemporaneamente anche un’ancora di salvataggio per evitare il settimo posto. E provare ad avvicinare la Lazio, con l’obiettivo di superarla. Anche per evitare di arrivare in classifica per il secondo anno consecutivo sotto i cugini. Il che, ovviamente, non sarebbe accolto con piacere da parte di tutto l’ambiente giallorosso.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Marquez il ritorno Nessuno sa come andra Barry Sheene dopo

Marquez, il ritorno. Nessuno sa come andrà. Barry Sheene dopo l’incidente non vinse più, Doohan 5 Mondiali- Corriere.it

CIR La Hyundai di Breen si aggiudica la prima PS

CIR, La Hyundai di Breen si aggiudica la prima PS del Sanremo