in

Cts: “Ogni sforzo per avere pubblico agli Europei’

Cts Ogni sforzo per avere pubblico agli Europei


Il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Locatelli: “Fare previsioni con due mesi di anticipo è difficile”. Lettera del presidente Figc al premier

L’Uefa ci dia più tempo. Lo dice il professor Franco Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, l’Interlocutore decisivo per costruire un progetto per la presenza di pubblico ai prossimi Europei di calcio anche all’Olimpico di Roma. Attualmente la scadenza è il 19 aprile. “Auspico il massimo del dialogo sia con la sottosegretaria Vezzali sia con la Federcalcio per avere un po’ più di tempo e dall’altro per adottare protocolli in linea”. Ma quanto tempo servirebbe? “Io credo – dice Locatelli a Radio Anch’io lo sport su Radio 1 – che se riuscissimo ad arrivare ai primi giorni di maggio, sarebbe un pochino più fattibile una previsione più in linea con gli andamenti epidemiologici. Fare previsione a due mesi di distanza è discretamente impegnativo”. E la app per poter consentire l’accesso ai vaccinati o a chi ha effettuato un test rapido nelle ore precedenti la partita? “Sono certamente uno strumento importante e possono dare un contributo rilevante ma adesso c’è da considerare la parte del trasporto pubblico locale, gli eventi di massa sono più difficili da gestire. Detto questo, nessuno sottovaluta l’importanza sociale ed economico degli Europei”.

Decide il Governo

—  

Quanto all’idea di vaccinare tutti i giocatori, Locatelli sottolinea la necessità di non sconvolgere “linee di indirizzo della campagna vaccinale che deve indirizzata alle persone più fragili”. Ma se la Uefa nona accettasse questa richiesta di avere più tempo? “La risposta spetta alla politica, noi possiamo dare suggerimenti da un punto di vista tecnico, ma la scelta finale spetta al Governo con la parola determinante del ministro Speranza”. E la dichiarazione della Vezzali sul fatto che per Tokyo saranno vaccinati tutti gli azzurri? “Per quello che riguarda aspetti specifici di nuovo è una scelta che spetta al Governo, che avrebbe una sua logica per consentire la partecipazione degli atleti in condizioni di protezione”. Infine la possibilità di cominciare la prossima stagione con stadi aperti. “Me lo auguro proprio, riaprire gli stadi vorrà dire che avremo raggiunto una circolazione del virus limitata”.

La lettera a Draghi

—  

Nel fine settimana il presidente della Figc Gabriele Gravina, ha inviato una lettera a Mario Draghi chiedendogli ”di adoperarsi affinché l’Uefa possa confermare l’assegnazione dell’evento inaugurale” dell’Europeo “e delle successive gare previste nel nostro Paese”.

Garanzia Vezzali

—  

E la sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali ha garantito il suo impegno: “Gli Europei di calcio sono un’occasione importante per il nostro Paese, possono segnare il rilancio e sottolineare l’importanza di continuare a ospitare eventi importanti come anche tanti altri che stiamo organizzando. Ci stiamo lavorando e io mi adopererò con tutta me stessa affinché possa essere dato il via libera per disputare queste quattro partite in Italia”.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ancora chiusure per la ristorazione Arcs le nostre vite contano

Ancora chiusure per la ristorazione, Arcs ‘le nostre vite contano’

D-Link vince il prestigioso Red Dot Awards

D-Link vince il prestigioso Red Dot Awards