in

Maradona: regali per oltre 4,5 milioni di dollari a figli, sorelle ed ex fidanzate

Maradona regali per oltre 45 milioni di dollari a figli


Attraverso i registri di Matias Morla, legale di fiducia del Diez, è emersa l’incredibile quantità di donazioni elargite ai parenti dal 2014 al 2020. Maradona sovvenzionava ogni tipo di spesa, dalle case alle auto, dai gioielli alle vacanze, dalle bollette telefoniche alle assicurazioni mediche e molto altro

Milioni di dollari distribuiti ai parenti, gli stessi che oggi si danno battaglia per mettere le mani su una ricca eredità. Mentre giudici e avvocati lavorano per ricostruire l’esatto ammontare del patrimonio di Diego Armando Maradona, indagando anche su conti esteri, emerge la sorprendente quantità di spese che l’ex Pibe de Oro ha affrontato negli ultimi anni di vita a beneficio di amici e parenti. Secondo i registri contabili in possesso di Matias Morla, il legale del Diez finito nell’occhio del ciclone per le ripetute accuse incrociate con i parenti dell’argentino, le elargizioni ammontano a 4,699 milioni di dollari solo nel periodo che va dal 2014 al 2020.

Parenti e amici

—  

Dai registri presi in esame è emerso di tutto: auto, appartamenti, vacanze, assicurazioni mediche, visite specialistiche, spese alimentari, conti di parrucchiere ed estetiste e persino bollette telefoniche. Di fatto, Maradona manteneva un esercito di persone coprendo le spese più disparate. I maggiori beneficiari della generosità del Diez, come emerso dai libri contabili, erano i cinque figli (Dalma, Gianinna, Diego Jr., Jana e il piccolo Diego Fernando). Seguivano a ruota l’ex moglie Claudia Villafane, le due ex compagne (Veronica Ojeda e Rocio Oliva), i due fratelli (Hugo e Raul) e le cinque sorelle (Ana, Kity, Lili, Maria Rosa e Claudia). Ma tra i destinatari degli aiuti figurano anche amici e parenti delle ex compagne, tra cui la madre di Rocio Oliva a cui Maradona donò 155 mila dollari nel 2017 per l’acquisto di un appartamento.

Spese pazze

—  

Tra le spese individuate a partire dal 2014, data in cui è iniziata la rendicontazione, figurano ad esempio i 25 mila dollari spesi per blindare l’auto dell’ex fidanzata Veronica Ojeda, i 38 mila dollari per pagare voli privati alle figlie Dalma e Gianinna e 255 mila dollari destinati alle vacanze delle primogenite. Nel maggio del 2017 figura un esborso di 378 mila dollari per non ben precisati viaggi di figli e amici. I registri in possesso di Morla menzionano anche prestiti di varia entità, tra cui uno di 900 mila dollari all’ex moglie Claudia, successivamente oggetto di dsputa per mancata restituzione. A favore di Diego Jr. figurano invece due esborsi da 25 e 48 mila dollari tra il 2016 e il 2017 per l’acquisto di una vettura e regali vari. Molte di queste donazioni, quelle relative all’acquisto di beni immobili, sono oggi al centro dell’accesa disputa giudiziaria per stabilire i legittimi ereditieri.

Decine di milioni in ballo

—  

Nei registri presi in esame non figurano le spese affrontate dal Diez prima del 2014, di conseguenza si ipotizza che le donazioni del Diez siano state molto più considerevoli. Con ogni probabilità, sostengono i media argentini, si parla di decine di milioni tra contanti e beni immobili. Nel frattempo, il Tribunale di Miami ha accolto una richiesta avanzata dai legali di Diego Jr., Jana e Diego Fernando relativa all’amministrazione di due appartamenti di lusso negli Usa inizialmente intestati alle figlie Dalma e Gianinna, stabilendone la ripartizione in parti uguali tra i cinque figli del Diez. Tra i casi più spinosi attualmente al vaglio degli avvocati ci sono altri sei appartamenti, sempre a Miami, per un valore totale di 6,237 milioni di dollari di cui l’ex moglie Claudia rivendica l’esclusiva proprietà, ma che secondo Morla avrebbero dovuto essere cointestati a Maradona perché all’epoca dell’acquisto (tra il 2000 e il 2003) i due risultavano ancora sposati.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Arrestato capo Ultras Insurrezione in casa 1 kg hashish e

Persichetti, ‘Moretti infiltrato? Macchina del fango, documenti desecretati lo dimostrano’

Riaperture Italia Speranza Possibili da maggio

Riaperture Italia, Speranza: “Possibili da maggio”