in

Politano, Sensi, Mertens, Lukaku… Napoli-Inter e i mille incroci

Politano Sensi Mertens Lukaku Napoli Inter e i mille incroci


Il posticipo di questa sera mette in campo tante storie e duelli del passato: anche quelli tra Gattuso e Conte, contro il quale Rino ha sempre perso da allenatore in Serie A

Le corse verso scudetto e posto in Champions di Inter e Napoli passeranno dal Diego Armando Maradona. E saranno accompagnate da una serie di storie e intrecci che faranno un tornare indietro nel tempo. Per Gattuso ci sarà aria di derby e un tabù da sfatare: sei sfide all’Inter in Serie A da allenatore, cinque sconfitte e un pareggio. Per provare a battere Conte, altro osso duro per Rino (tre sconfitte su tre nella competizione), il tecnico azzurro farà affidamento su Politano: 63 presenze in nerazzurro per l’esterno romano.

Da Sassuolo a Milano

—  

Politano ritroverà Sensi: i due si sono incrociati ad Appiano l’anno scorso e sono scesi in campo cinque volte insieme con la maglia dell’Inter dopo essere cresciuti ed esplosi insieme a Sassuolo. Ventisette presenze in comune in Emilia: tra i due ci sono due anni, poca differenza di centimetri e un percorso comune, da Sassuolo a Milano. Politano è ripartito da Napoli, Sensi lotta con le unghie e con i denti per tenersi stretta la maglia nerazzurra: questo finale di stagione, con gli Europei in vista, può essere l’occasione del rilancio.

Toro e Dea

—  

Compagni lo sono stati anche Maksimovic e Darmian, con la maglia del Torino: tra il 2013 e il 2015, i due hanno condiviso il campo in ben 57 occasioni con Ventura in panchina. Era la formazione guidata davanti da Immobile e Cerci e capace di chiudere al settimo posto nel 2013/14, con la partecipazione all’Europa League nella stagione successiva. Storia gloriosa, che nessuno dei due potrà mai dimenticare. Anche Petagna e Gagliardini hanno vestito la stessa maglia, quella dell’Atalanta ma anche della Nazionale maggiore. Nel 2016/17 la punta ha visto da vicino l’esplosione di Roberto, a cui sono basate poche partite in prima squadra per conquistare l’Inter: passano le stagioni, ma il centrocampista continua a essere una pedina che sa come tornare utile in nerazzurro. E Petagna ha visto crescere anche Bastoni, ora perno con Conte.

Rivali e amici

—  

Compagni, ma anche avversari e amici: Napoli-Inter intreccerà diverse storie. De Vrij e Manolas giocheranno a distanza di sicurezza, ognuno penserà a neutralizzare gli attacchi avversari ma nei calci piazzati ci può scappare qualche corpo a corpo. I due non hanno mai vestito la stessa maglia ma si sono dati battaglia nel derby di Roma, il greco alla Roma e l’olandese in biancoceleste. Sette partite contro nella Capitale, tra campionato e Coppa Italia: tre vittorie per Manloas, due per De Vrij e altrettanti pareggi. Equilibrio. Difficilmente si incroceranno anche Lukaku e Mertens: Romelu e Dries hanno giocato 64 partite insieme in nazionale e continuano a fare la storia del Belgio. Prima che il folletto rinnovasse con il Napoli, si era a lungo parlato della possibilità che i due si ritrovassero a Milano. Ma la storia è andata in un’altra direzione.

Storie

—  

Il Maradona sarà teatro di una sfida che può lanciare ancora di più l’Inter verso lo scudetto o dare al Napoli chance in più per la Champions. Ma dietro al sipario continueranno a pulsare storie che si possono solo fermare per un po’, giusto il tempo di darsi battaglia in mezzo al campo. Ma che non si possono dimenticare.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Sabaudia centinaia di firme per riaprire il sentiero di Moravia

Sabaudia, centinaia di firme per riaprire il sentiero di Moravia

Arredare il bagno, problema asciugamani? Ecco come ottimizzare lo spazio

Arredare il bagno, problema asciugamani? Ecco come ottimizzare lo spazio