in

Superlega, Perez & Agnelli alla guida Le strategie di una guerra per soldi- Corriere.it

Superlega Perez Agnelli alla guida Le strategie di una


L’ideologo della Superlega Andrea Agnelli, il capitano della Juve in questo fronte italiano di ribelli. Sul suo carro sono saliti Inter e Milan, Marotta e Gazidis. Ma il pilota in questo Gran premio della follia calcistica Andrea Agnelli che studia questo progetto da anni. Nell’ultima stagione ha lavorato in tanti campi, forse in troppi. Con la Juve ha cercato scudetto e Champions, li ha persi entrambi. Nella Lega serie A si schierato subito a favore dei fondi, della Media Company, il progetto innovativo del presidente Paolo Dal Pino, per poi sfilarsi, nonostante facesse parte della Commissione che studiava e portava avanti la trattativa con i nuovi finanziatori, e scaricare lo stesso numero 1 della serie A. Una partita a tutto campo per s e pochi altri, per i ricchi, ai danni del campionato.

cos che nasce la Superlega europea. Nel comunicato di ieri sera, pronto da ore, preparato nei minimi particolari, la Juventus fa sapere di aver aderito al progetto della Superlega. Il bello che si precisa che i club fondatori continueranno a partecipare alle rispettive competizioni nazionali e, fino all’avvio effettivo della Superlega, la Juventus ritiene di partecipare alle competizioni europee alle quali ha titolo di accedere. Ingordigia? Una cosa certa: Andrea Agnelli punta a tutto, oltre a far saltare il tavolo del calcio internazionale. Vuole partecipare alla Champions, ma fonda un campionato europeo per nababbi. Si disinteressa dell’annunciata presa di posizione della Uefa che intende squalificare, sospendere, forse radiare, le societ che hanno fondato la nuova competizione. Cos fa spallucce all’opposizione della Federcalcio che giustamente difende, vuole tutelare il campionato nazionale. Nel mirino di Agnelli, sostenuto da Lotito e De Laurentiis, oltre a Dal Pino, c’ anche il presidente federale Gravina, tanto per cambiare. Quanto a battaglie non si risparmia. Tattiche le sue dimissioni da presidente dell’Eca e dall’esecutivo Uefa. Per ora l’Uefa ha annunciato cause miliardarie.

Suo grande alleato Florentino Perez, grande capo del Real Madrid. Anche lui vuole terremotare il calcio europeo, il presidente della Superlega. In pratica si autonominato. abituato a vincere soprattutto contro la Juve. Tanto vero che il Real in semifinale di Champions contro il Chelsea, sempre che l’Uefa adesso gliela faccia giocare questa semifinale. Vince anche nella vita, ha appena messo nel mirino Autostrade per l’Italia dicendosi convinto che valga 10 miliardi, pi dell’offerta concorrente per il gestore formulata dallo Stato italiano (e i fondi esteri) per interposta Cassa depositi e prestiti, che vuol dire ministero del Tesoro. E si dimostrato abilissimo nel dribblare i cronisti — soprattutto se si pensa che, a quanto risulta, sul concessionario non ha fatto alcunch, neanche un’accurata due diligence —. Per tornare al calcio Perez ha gi promesso l’arrivo tra i Galacticos di Haaland e Mbapp, due fuoriclasse assoluti, e il restyling in pompa magna del santuario del calcio, il mitico Bernabeu. Come far? Perez sostiene con il denaro che il Real Madrid promette di incassare dalla vendita dei diritti tv della Superlega ai quattro angoli del mondo. Fa niente se l’altra parte del mondo del calcio si impoverisce: qui conta stare bene e mangiare in pochi.

19 aprile 2021 (modifica il 19 aprile 2021 | 02:08)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Lazio Benevento le pagelle fa tutto Immobile partita da 7 Gaich

Lazio-Benevento, le pagelle: fa tutto Immobile, partita da 7. Gaich non la prende mai: 5

Pirlo non molla Buona gara lAtalanta ha vinto per un

Pirlo non molla: “Buona gara, l’Atalanta ha vinto per un episodio favorevole”