in

il pensiero prevalga sull’arroganza- Corriere.it

il pensiero prevalga sullarroganza Corriereit
Spread the love


I presidenti di Juve, Real Madrid, Manchester United decisamente pi interessati a mettere le basi di un kolossal, quanto ad affari, che ai gol di Ronaldo, Benzema e Pogba. Una distrazione pi pesante per la Juve visto che ci ha rimesso scudetto e Champions, mentre Real e United in Europa esistono e combattono ancora, eccome, ma arrivati a questo punto, alla creazione della Superlega (Super League la griffe internazionale), risultati, classifiche, merito sportivo vengono spazzati via, non contano nulla. Dodici societ hanno creato il loro torneo, da nababbi del pallone, presto saliranno a 15, e non faranno fatica a toccare quota 20 perch l dove ci sono i soldi si corre. I primi a buttarsi sul bottino, lo sappiamo con certezza, sono i famelici procuratori che hanno gi promesso ai magnati del calcio i loro campioni, chi se ne frega delle Nazionali, fa niente se Uefa & Fifa alleate minacciano di sbarrare le porte di Europei e Mondiali. Altre se ne apriranno.

Nasce la Superlega: le cose da sapere

  • Superlega, ora ufficiale: Dodici club creano una nuova competizione

  • Superlega, Juve, Inter e Milan aderiscono. L’Uefa: Chi ci sta fuori dai campionati

  • Le trattative, le cause legali, il destino dei campionati, le 5 squadre invitate

  • Che cos’ la Superlega europea di calcio

  • Le squadre della Superlega di calcio

  • Agnelli, Perez e la Superlega: le strategie di una guerra per soldi

  • Chi Florentino Perez, l’uomo dietro alla Superlega

  • Superlega, l’analisi di Sconcerti: un’idea rozza che va contro i tifosi. E poi: la Juve di Agnelli come arriverebbe?

  • Le questioni da chiarire che restano sul tavolo

  • Superlega, la Juventus in Borsa vola: i mercati scommettono sul nuovo calcio modello Usa

  • Superlega, JP Morgan allo scoperto: Finanziamo noi i club europei. Pronti 6 miliardi

Hanno deciso e fatto un campionato loro, privato, senza storia, senza lotta, senza sfida, senza qualificazioni, forse metteranno in palio cinque posti, un po’ come si fa alle giostre per chi ha la mira migliore. Questo non sport, un consiglio di amministrazione, un fondo, una banca. Pronta l’indignazione, la reazione di leader di governo come Mario Draghi, Boris Johnson, Emmanuel Macron, addirittura infastiditi e preoccupati dalla Superlega. Qui si uccide il gioco, lo sport, storie meravigliose che hanno emozionato il mondo: dicono nulla il Cagliari di Gigi Riva? E il Verona di Bagnoli? Storie lontane? No, sono eterne. Come segnano il tempo e abbattono i confini il Leicester di Ranieri o l’Atalanta di Gasperini.

Aleksander Ceferin, presidente dell’Uefa, si ribella a un progetto simile, giustamente sostiene che sia un orrore. Lo . Poi, come sempre c’ il coinvolgimento umano, le storie private, Ceferin si sente preso in giro, soprattutto da Andrea Agnelli. Parla di tradimento: credeva all’amicizia. Ci credevano anche in Lega calcio dove Agnelli, alla guida della commissione che trattava l’ingresso dei fondi, lavorava per seppellire il progetto che avrebbe dato nuove risorse al campionato di serie A: in testa aveva ben altro. Ceferin alla guida di una istituzione internazionale che non un ente di beneficenza. Un errore grave, gravissimo dell’Uefa, studiato a tavolino, progettato addirittura, aver dato spazio, troppo, al business, a dispetto di regole, valori e sport. E con la stessa arma viene colpita e ferita.

Come finir questa brutta storia chiamata guerra? Chi litiga ha sempre torto, non si lucidi per trovare una soluzione. La miglior tattica riflettere, far prevalere il pensiero sull’arroganza, fare un passo indietro e capire che lo sport ha bisogno sicuramente del portafoglio, ma soprattutto di cuore, tifosi, idee, passione e talento.

20 aprile 2021 (modifica il 20 aprile 2021 | 16:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link


Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

Un imprenditore su 4 a rischio usura quasi tutti al

Un imprenditore su 4 a rischio usura, quasi tutti al Sud: «Effetto del Covid»- Corriere.it

Cugino Itt : muore Felix Silla de La famiglia Addams

muore Felix Silla de La famiglia Addams